Sigonella 23 aprile 2008 - Una lezione di sociologia urbana per il disarmo e la pace

Una bizzarra lezione ovvero `Come nasce la citta` della guerra`

Campagna per la smilitarizzazione di Sigonella
  Giornata di studio a Sigonella e dintorni, mercoledì 23 Aprile 2008
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PROGRAMMA

8:30 Partenza in pullman da Messina.

10:30 Arrivo a Ct presso l`aereoporto Fontanarossa ed incontro con i collettivi di Catania.

11:00 Arrivo a Sigonella, sosta nello spiazzo antistante la base militare, autostrada CT-Gela, ricevimento giornalisti.

11:30 Lezione della prof.ssa Nella Ginatempo – Docente di Sociologia Urbana presso la Facoltà di Scienze Politiche (Università di Messina) sul tema:

“Come nasce la città della guerra: -analisi dei processi di militarizzazione in corso nell`area di Sigonella/Lentini e Scordia -ruolo e funzione della base USA in Sicilia -un territorio appeso alla guerra globale -una popolazione esposta al rischio atomico ed ai rischi di guerra”.

12:30 Dibattito con interventi programmati di: Alfonso Di Stefano Smilitarizzazione di Sigonella Antonello Mangano Prof. Nunzio Famoso Facolta` di Lingue – Università di Catania discussione seminariale

13:30 – 14:30 Sosta in contrada Xirumi nei pressi di Lentini dove è previsto un grande insediamento abitativo per i militari USA. Colazione a sacco

16:00 presso l`presso l`Auditorium della Facoltà di Lingue di Catania (Monastero dei Benedettini), assemblea e proiezione del proiezione del filmato di Rainews24 sulla base militare di Sigonella.

OBIETTIVI DELL`INIZIATIVA

Un`altra sociologia del territorio.

Finora i maestri della sociologia urbana in Italia hanno indirizzato la loro attenzione e le loro ricerche in prevalenza verso le città del belpaese, nell`intento di migliorarne la qualità della vita e di proporre riforme sociali grandi o piccole che servissero a migliorare le nostre città e i nostri territori, fino alle versioni più aggiornate e progressiste della città ecologica e del territorio sostenibile. Ma di fronte allo scempio di innumerevoli città che è avvenuto in questo ultimo ventennio appena fuori dei nostri confini, da Sarajevo-Belgrado-Pristina, a Baghdad-Bassora, Kabul-Kandahar e così via, dovremmo cominciare a porci altre domande come: “perché continuiamo a distruggere le città degli altri popoli?”, anziché continuare a chiederci “come possiamo migliorare le nostre belle città”.

Per una sociologia urbana che assuma uno sguardo globale, è vitale comprendere il nesso che lega la costruzione delle cittadelle fortificate della guerra in Italia (107 basi militari USA-NATO), disseminate in tutte le regioni, alla distruzione sistematica di ampi territori e città oltreconfine.

Un`altra cultura universitaria.

Cominciamo a fare tentativi nuovi, a rilanciare la ricerca sul campo, ad aprirci alle contraddizioni laceranti della guerra e della globalizzazione che i nostri mass-media tentano di oscurare.

Per una università che scenda dalla torre d`avorio e contribuisca ad analizzare la crisi della nostra epoca ed a cercare vie nuove a partire dall`uso del territorio e delle risorse orientato alla pace.

Un altro rapporto con i soggetti sociali del territorio.

Cerchiamo una forma di cooperazione coi territori che faccia dell`università un servizio sociale e una palestra di democrazia dove sia possibile il confronto politico serio e la ricerca assieme ai soggetti sociali attivi per il mutamento.

Una radicale opzione per la pace e per il disarmo.

Sperimentiamo forme di ricerca e di conoscenza che siano costantemente orientate verso una politica di pace fondata sul disarmo e sulla smilitarizzazione dei territori.

Alla giornata di studio partecipano gli studenti dei corsi di Sociologia Urbana e di Sociologia dell`Ambiente (prof.ssa Nella Ginatempo), dei corsi di Sociologia dello Sviluppo e di Sociologia, del corso di Politica Sociale della Facoltà di Scienze Politiche di Messina.

L`iniziativa ha avuto l`adesione di: Campagna per la smilitarizzazione di Sigonella, collettivo La Tarantola (Facoltà di Farmacia, Catania), collettivo TiroMancino (Facoltà di Ingegneria, Catania), Attac-Catania, Campagna nazionale per la legge di iniziativa popolare contro le Basi militari e gli accordi militari

 Questa storia è stata letta 10292 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date