Invece del Ponte

Ferrovie: da gennaio 2008 stop ai treni su traghetti per la Sicilia?

Uno dei comunicati di Coldiretti, la maggiore associazione italiana di piccoli produttori
Agenzia Ansa
  Il nuovo piano industriale delle Ferrovie, dal primo gennaio prossimo, prevede di non trasportare piu` i treni sui traghetti che assicurano i collegamenti sullo Stretto di Messina, ma di bloccare a Villa San Giovanni i convogli diretti sulla sponda siciliana.
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

E` quanto scrivono in un`interrogazione Anna Donati, presidente della commissione Lavori pubblici del Senato, e Dino Tibaldi, capogruppo in commissione Lavoro. Il piano e` attualmente al vaglio del ministero dell` Economia e “tale decisione, se confermata, comporterebbe una forte penalizzazione per i passeggeri diretti in Sicilia con conseguenti gravi disagi, in particolare per anziani e portatori di handicap“ scrivono i due parlamentari chiedendo quindi alle Ferrovie di “rivedere il piano dei servizi per la Sicilia: anziche` tagli, avanzi proposte per trasporto locale e collegamenti con il resto del Paese“ .

“Fra l`altro – aggiungono Donati e Tibaldi – sono gia` soppressi ben 8 treni su 10 della linea Palermo-Roma; l`unico notturno, con servizio di vagoni letto, dovrebbe essere eliminato entro il 31 dicembre 2007. Questi tagli al servizio in Sicilia e nei collegamenti con il resto del Paese produrrebbero un ulteriore abbandono dell`uso del treno, con conseguente aumento non solo dei disservizi ai cittadini ed alle imprese, ma anche dei disavanzi dell`azienda Ferrovie dello Stato.

“Il ministro delle Infrastrutture – concludono Donati e Tibaldi – come disposto dalla Finanziaria 2007, proceda subito all`intesa con i presidenti delle Regioni Sicilia e Calabria al fine di liberare le risorse ex-Fintecna, vincolate al progetto del Ponte, per un piu` utile ed urgente miglioramento di servizi ed infrastrutture ferroviarie nell`area dello Stretto“.

(ANSA). BRB – 18 settembre 2007

 Questa storia è stata letta 16949 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date