San Andrés Colombia: il paradiso naturale dei turisti dello sballo

Paolo Manzo
  “L’atmosfera è quella di Scarface, il film, ha presente?”. A parlare è una milanese 36enne che di mestiere fa l’insegnante e che recentemente è entrata suo malgrado nel dorato mondo della cocaina. Lo ha fatto inconsapevolmente, acquistando assieme a due sue amiche un biglietto aereo per San Andrés, arcipelago di isole dei Caraibi, 60mila abitanti in 42 chilometri quadrati, che appartiene alla Colombia ma che è assai più vicino al Nicaragua.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Un paradiso naturale (di cui il governo di Managua ha rivendicato la sovranità al tribunale dell’Aja) che è ancora oggi una meta privilegiata dagli amanti delle immersioni e delle famiglie colombiane in cerca di relax, ma che negli ultimi anni è diventata anche una delle destinazioni preferite dei turisti occidentali dello sballo a basso costo.

“La mia idea – continua – era quella di farmi dieci giorni di mare, sole e immersioni. Che colpa ne ho se mi sono trovata in un’atmosfera da festino permanente, con ragazzi che circolavano per strada come zombie e sniffate a go-go a bordo di piscine in ville megagalattiche?”. Nessuna, per carità. Ma a scanso d’equivoci la chiameremo Pamela, per garantirle quella privacy che permette a lei di raccontarci la sua storia e a noi di presentare uno dei principali “paradisi artificiali” del turismo occidentale verso il quale viaggiano ogni anno migliaia di giovani e meno giovani, qualche volta in cerca di relax, più spesso di sballo a bassi prezzi. Tutti con a disposizione un budget superiore alla media, perché arrivare qui costa parecchio. Manager, colletti bianchi, imprenditori, questo il target, mentre i turisti inconsapevoli come Pamela sono la minoranza: la maggior parte di chi va San Andrés – un isola di fatto in mano ai narcos, che la utilizzano come primo scalo aereo per la coca proveniente dalla Colombia diretta agli Stati Uniti – lo fa per “fare il pieno” di purissima “bamba” a prezzi stracciati. E a dimostrazione della forza di questo vero e proprio “turismo della coca” ci sono i voli Milano-San Andrés della Lauda Air che, da dicembre ad aprile, collegano settimanalmente il capoluogo lombardo all’arcipelago caraibico mentre, paradossalmente, non esistono collegamenti diretti tra Italia e Città del Messico.

Un giorno imprecisato di settembre 2006. All’una e mezza del pomeriggio nelle strade di San Andrés non c’è anima viva. È l’ora della siesta per i locali che, da quando l’isola si è trasformata nel centro preferito dai turisti danarosi colombiani e occidentali, forniscono mano d’opera a basso costo nei resort, nei ristoranti e nelle discoteche dove si fa l’alba e dove la “rumba”, oltre al ballo, è ricercata da tutti coloro i quali vogliono tirarsi su. Il turismo qui è tutto nelle mani degli stranieri – italiani, statunitensi, tedeschi, gli ultimi arrivati sono i canadesi – e per i sanandresinos non resta che la povertà rappresentata dalla pesca, l’emigrazione “in continente” o tentare la fortuna con l’import-export via mare di droga. Proprio per questa mancanza di prospettive da qualche anno è cresciuto esponenzialmente un movimento indipendentista, l’Archipiélago Movement for Ethnic Native Self-Determination (Amen-SD). Obiettivo: staccarsi da quella Colombia che usa San Andrés come il suo parco divertimenti, un po’ come all’epoca di Fulgencio Batista facevano gli Stati Uniti con Cuba, e che “si ricorda di noi solo il giorno della festa d’indipendenza, per cantare l’inno e issare la bandiera”, accusano gli indipendentisti su uno dei tanti forum che, anche online, hanno sollevato il velo sul disagio degli isolani.

“L’immagine che mi sono portata a casa dai miei dieci giorni a San Andrés?”. Pamela ne ha più di una di immagini, quasi tutte forti. Di sicuro si ricorda molto bene di “una coppia di ragazzi sotto i trent’anni, del nord Italia, che avevano fatto un acquisto esagerato e che rimanevano quasi tutto il tempo chiusi in casa. Salvo uscire ogni tanto. Avevano la faccia di due zombie viventi”. All’una e mezza di quel giorno imprecisato di settembre 2006 i locali facevano la siesta mentre i turisti “da coca” erano intenti a recuperare le forze in attesa dello sballo della notte successiva. A un certo punto il rumore di un incidente e un camion che si ribalta in pieno centro fanno svegliare gli abitanti del quartiere. Alcuni si affacciano e non appena notano che il carico che ha “inondato” la carreggiata non è farina bensì cocaina, e per di più di purissima qualità, decidono di interrompere il pisolino e di scendere in strada. A questo punto le testimonianze dei protagonisti dell’insolito episodio raccolte dal quotidiano colombiano El Espectador si fanno divergenti ed è difficile dire chi ne abbia raccolta un chilo, chi due e chi tre, prima dell’arrivo della Polizia, un quarto d’ora dopo il ribaltamento del carico miliardario. Anche perché parlare può essere dannatamente pericoloso dal momento che i veri proprietari dell’Oro Bianco hanno cominciato da subito a minacciare i sospettati di avere rubato la loro coca con rappresaglie sanguinose e lasciando sul terreno una scia di morte. Non a caso proprio a San Andrés sono state sequestrate dalla polizia molte delle 322 proprietà appartenenti al narcotrafficante colombiano Juan Carlos Ramírez Abadía, alias “Chupeta”, arrestato a San Paolo, in Brasile, lo scorso 7 agosto.

Di sicuro Pamela ha ben impresso in mente anche il gruppetto di “6 o 7 nostri connazionali i quali avevano preso in affitto una villa enorme che, si mormorava, fosse di un vecchio narcotrafficante. Una delle ultime sere mi invitano assieme alle mie due amiche a cena e, a parte le bottiglie di vino d’ordinanza, il bordo della piscina sembrava davvero una sequenza di Scarface, con tubetti di vitamina C pieni di cocaina che all’improvviso si aprivano…”. Squallore in un paradiso i cui abitanti, ogni giorno che passa, si rendono conto che non è questo il futuro che si immaginavano qualche anno fa. Fermín, un sanandresino, spiega a Panorama.it lo stato d’animo di chi è nato da queste parti: “Abbiamo importato un turismo che sporca le nostre spiagge, che si ubriaca, che danneggia noi locali e chi viene a farci visita, che consuma vizi. Ecco cos’è oggi San Andrés: uno spaventapasseri della morale dove la cocaina e gli allucinogeni sono i veri sovrani della nostra economia, mentre la sicurezza e la tranquillità sono solo un ricordo del passato”. Una denuncia grave contro un modo di trascorrere le vacanze che è l’esatta antitesi di quel turismo sostenibile di cui molto si parla ma, purtroppo, poco si pratica.

Panorama, 4 settembre 2007

 Questa storia è stata letta 13640 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto