Honduras: con TLC raddoppiati i migranti verso gli Stati Uniti

Francesca Belloni
  Dall`entrata in vigore, nel 2006, del Trattato di libero commercio (Tlc) tra Centroamerica e Stati Uniti, è quasi raddoppiato il numero dei cittadini che hanno lasciato l’Honduras per emigrare in territorio americano.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Lo ha riferito la segretaria del `Foro Nacional para las Migraciones en Honduras` (Fonamih), Edith Zavala, secondo cui “lo scorso anno 100.000 onduregni sono emigrati negli Stati Uniti e entro la fine dell`anno saranno oltre 187.000”.

Zavala ha ricordato che secondo i promotori del Tlc, l`emigrazione sarebbe diminuita grazie alla creazione di nuovi posti di lavoro: “Il risultato è che ogni giorno 21 onduregni, per la maggior parte di età compresa tra i 17 e i 37 anni, escono senza documenti dal paese diretti verso gli Stati Uniti”.

Secondo Reina Joya, del `Centro de Investigación y Promoción de los Derechos Humanos` (Ciprodeh), il numero dei rimpatri forzati di migranti centroamericani da parte del governo americano è risultato in continua crescita dall`inizio dell`amministrazione Bush: “In questo lasso di tempo oltre sei milioni di cittadini della regione sono stati arrestati e rimpatriati, principalmente quelli provenienti da El Salvador, Honduras e Guatemala” ha detto Joya.

Secondo un rapporto dell`Istituto di statistiche dell`Honduras, su un totale di sette milioni e mezzo di abitanti, cinque milioni e mezzo sono in età lavorativa, ma solo due milioni e 800.000 sono “economicamente attivi”, in un paese dove l`indice di povertà supera il 50%.[FB] – HONDURAS 28/6/2007

 Questa storia è stata letta 2553 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto