Piano Colombia-Ecuador per sfollati

  I governi di Bogotá e Quito lanceranno nel 2005 un piano di sviluppo e di protezione della frontiera comune con l’obiettivo di frenare il crescente flusso di sfollati in fuga dal conflitto colombiano.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Lo hanno annunciato i capi di Stato dei due Paesi andini, Alvaro Uribe e Lucio Gutiérrez, al termine di un incontro avvenuto nel fine-settimana nella località ecuadoriana di Esmeraldas, 180 chilometri a ovest di Quito.

Il piano consterà di due fasi: la prima prevede il rafforzamento delle misure di sicurezza al confine e la creazione di infrastrutture per creare una ‘zona di concentrazione’ dei profughi colombiani; nella tappa seguente, la Colombia aumenterà gli investimenti nelle città ecuadoriane dove si concentra la maggior parte degli sfollati per creare nuovi posti di lavoro destinati ai ‘desplazados’. Gutiérrez, che a più riprese ha definito gli sfollati colombiani “una minaccia per la stabilità dell’economia ecuadoriana”, si è detto soddisfatto del programma messo a punto con Uribe, sebbene non sia ancora chiaro come verranno spartiti i finanziamenti.

L’Ecuador si è impegnato a portare avanti fino al prossimo gennaio un piano di regolarizzazione dei colombiani illegali in vigore dallo scorso aprile che finora ha però raccolto scarsi risultati: dati ufficiali indicano che dei 300.000 colombiani presenti in Ecuador, almeno l’80% è privo di permesso di soggiorno ed è vittima di sfruttamento e discriminazione.

 Questa storia è stata letta 1431 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto