Notizie

Sequestro Indymedia: i fatti

Pubblichiamo un riassunto dei fatti di Indymedia Italia. Il sequestro dei server di Londra è avvenuto ad opera dell`FBI, probabilmente su richiesta di terzi ed in base ad un accordo internazionale del 1982 in materia di terrorismo, rapimenti e riciclaggio (!).
Ricordiamo che i server erano ospitati nel Regno Unito ma sono di proprietà di un`azienda USA…

     

Per cercare di fare chiarezza sugli eventi, cerchiamo di riportare i fatti che sappiamo essere confermati, quelli che riteniamo attendibili e quelli che secondo noi sono fuorvianti.

Giovedi` 7 ottobre verso le ore 18 (italiane) il sito di indymedia italia non risultava raggiungibile. A una richiesta di chiarimenti il provider Rackspace, dopo 20-30 minuti, ha risposto con una nota dove dichiarava di aver dovuto consegnare il server all`FBI in seguito ad un ordine federale.

Successive richieste di chiarimenti sia per via telefonica che per mail, sia da parte di avvocati che da parte degli amministratori del server, hanno ricevuto risposte molto precise: da un lato Rackspace ci informava di non poterci comunicare i motivi della consegna dei server, dall`altro ci notificava che la richiesta era basata sull`applicazione del Mlat (Mutual legal assistment treaty), un accordo internazionale (l`Italia lo ha firmato nel 1982) che stabilisce delle procedure di collaborazione tra i vari Paesi in caso di reati relativi al terrorismo, rapimenti e riciclaggio di danaro.

Tuttora non sappiamo se a Rackspace sia stato imposto il divieto di parlare delle motivazioni del sequestro o se sia stata una scelta della compagnia dovuta ad altre valutazioni cosi` come non sappiamo con certezza se i server siano stati consegnati integralmente o solo nei loro hard disk, ne` per conto di chi, ne` se sia stato fatto in ottemperanza ad un ordine oppure come spontanea collaborazione con le autorita`.

In questi giorni si sono succedute molte ipotesi rispetto ai motivi di questo atto di repressione della liberta` di informazione e di espressione: tutte queste ipotesi sono basate su eventi reali, ma che non e` dimostrato abbiano una relazione diretta con la sottrazione dei server.

Nei mesi passati, in effetti, i due server sono stati oggetto dell`interesse delle forze dell`ordine di diversi paesi, lo dimostrano la causa vinta dagli avvocati della EFF contro la DIEBOLD (una delle principali finanziatrici di Bush, accusata di aver truccato gli apparati elettorali statunitensi di cui e` produttrice) che chiedeva la rimozione di materiale anche da indymedia italia; cosi` come le indagini del governo statunitense di cui e` stata oggetto indymedia New York (una cui copia era ospitata sui server sequestrati) durante la Republican National Convention per aver pubblicato dati relativi ai partecipanti alla convention; pochi giorni fa inoltre l`FBI ha invitato (per “fare un favore alla polizia svizzera”) indymedia Nantes (anch`esso ospitato sui server) a rimuovere articoli con nomi e facce di poliziotti svizzeri in borghese infiltrati durante una manifestazione di piazza, ma questo procedimento era ancora in fase di formalizzazione al momento della sottrazione dei computer.

Oltre a questi episodi eclatanti non passa giorno che qualcuno non cerchi di censurare o chiedere comunque la rimozione di articoli o notizie pubblicate sul sito di indymedia italia, ma dubitiamo che questa possa essere ragione sufficiente per far letteralmente sparire oltre 300 GB di dati.

Venerdi 8 ottobre alle ore 22.38 un`ANSA riporta un`intervista fatta dall`Agence France Press a un portavoce dell`FBI, tale mr. Parris, che attribuiva l`ordine di sequestro nei confronti di Rackspace all`Italia e alla Svizzera senza specificarne motivi ne` ulteriori elementi, ma cercando semplicemente di “scagionare” l`FBI dalla patata bollente, dipingendola come zelante intermediario di una richiesta repressiva altrui.

Al momento stiamo cercando di acquisire informazioni piu` certe sulla natura dell`ordine, sul suo merito, sui suoi mandanti e sulla sua durata, nonche` sul destino dei dati sottratti.

Sugli HD sequestrati, sono presenti tutte le informazioni pubblicate liberamente da decine di migliaia di attivisti.

Non ci sono invece i LOG delle connessioni al sito: non e` quindi possibile identificarne gli utenti. Indymedia per sua propria policy non mantiene nessun LOG contenente dati sensibili degli accessi al sito: quindi non c`e` nessun pericolo di identificazione personale nel rispetto della privacy di chiunque abbia usato gli strumenti messi a disposizione da indymedia.

Sull'autore