From Guantanamo to Sigonella

Marco Boccitto
  L`informativa, datata IX secolo, sul pericolo imminente di un`invasione della Sicilia da parte delle armate musulmane, potrebbe essere arrivata solo ora sul tavolo di Bush. E lui per non farsi fregare sul tempo dai contractors normanni ha subito inviato sul posto un esperto del settore.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Ladies and gentlemen, direttamente da Guantanamo, ecco a noi il comandante Thomas J. Queen, il nuovo boss della base di Sigonella, che da quasi 50 anni è la regina degli insediamenti armati Usa nel Mediterraneo. L`investimento più massiccio e remunerativo nella regione, centro di gravità della guerra permanente nei Balcani, in Africa e in Medio Oriente. A Sigonella riportano i tracciati radar di una lunga scia di piccole e grandi imprese che include le randellate a Gheddafi, le due guerre del Golfo, i raid in Sudan e Somalia, le bombe su Belgrado e gli andirivieni organizzati dai tour operator della Cia per trasferire a Guantanamo centinaia di soggetti catturati in giro per il mondo, sospettati forse di voler invadere, un giorno, la Sicilia. Ecco, il comandante Queen ha prestato servizio nell`Administrative Review of the Detention of Enemy Combatants, la commissione che nel lager extraterritoriale di Guantanamo si è giocata a pari e dispari il destino di quei fantasmi fuori-legge in tuta arancione che tanto poco hanno fatto battere il cuore delle nazioni evolute giuridicamente, tipo la nostra. Oggi anche Sigonella è in prorompente espansione. Di spazi e di funzioni. Si presenta già come un enorme agglomerato di strutture, uomini, armamenti anche nucleari ed eco-ordigni vari, al cui confronto il Dal Molin di Vicenza è una caserma di paese dei carabinieri. Ma ora è in fase di completamento la quarta tranche dei lavori per centinaia di milioni di euro che servono a migliorare la capacità operativa della base e ad accogliere migliaia di nuove reclute. Un piano battezzato molto modestamente «Mega», su cui né le istituzioni né la mafia hanno avuto da ridire. La base è grande, e Thomas J. Queen è da oggi il suo profeta. Il Manifesto, 19 maggio 2007

 Questa storia è stata letta 5371 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto