Morti d`amianto: sequestrata la Sacelit di San Filippo del Mela (Me)

Redazione Terrelibere.org
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
La procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha sequestrato, dopo 14 anni di dismissione, lo stabilimento della Sacelit, l`azienda di S.Filippo del Mela, nel Messinese, in cui 119 operai si sono ammalati di patologie derivanti dal contatto con l`amianto. Settantasette sono deceduti.

La Sacelit è nota a tutti “la fabbrica della morte”. Lo stabilimento di San Filippo del Mela sorge a pochi chilometri da Milazzo dove hanno pure sede una raffineria di olio combustibile e una negacentrale elettrica, venne inaugurata nel 1958 su iniziativa della Italcementi, una multinazionale di Bergamo della famiglia Pesenti. E produceva materiale per l`edilizia e l`idraulica: tutto in amianto-cemento.

Nello stabilimento di San Filippo del Mela hanno lavorato, nel corso del tempo, 212 persone. Gli ex operai morti per malattie direttamente collegabili all`amianto sono già 77 (il primo caso risale al 1978). Mentre sono 119 quelli a cui l`Inail ha riconosciuto la malattia professionale. Altri sei hanno però già avviato le pratiche per ottenere una rendita. Restano 10 persone: gli unici ex operai della Sacelit che, fino a oggi, l`amianto ha risparmiato.

Già nel 1976 la facoltà di medicina del Lavoro della università di Bari, a seguito di un controllo effettuato sui dipendenti della Sacelit siciliana, ne individuò dodici già affetti da patologie polmonari. La fabbrica entrò in crisi produttiva nel 1983 quando furono avviati i primi licenziamenti. La chiusura definitiva dello stabilimento avviene però solo nel luglio del 1993, a un anno dalla legge che vieta la produzione e la commercializzazione dell`amianto in Italia.

Nel 2003 la procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto ha aperto un`inchiesta per omicidio colposo contro quattro dirigenti dell`azienda. Lo stabilimento, mai bonificato e dismesso nel 1993, ha ospitato inspiegabilmente, sino ad ora, il deposito di generi alimentari di un`azienda, con numerosi punti vendita a Messina e provincia.

Redazione Terrelibere.org

Questa storia è stata letta 10344 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »