No Basi militari

Comitato contro nuova base Vicenza lancia boicottaggio vini Zonin

Comitato No Dal Molin Vicenza
  L`imprenditore vicentino Gianni Zonin, presidente della Banca Popolare di Vicenza e dell`azienda vitivinicola, proprietà della sua famiglia, Casa Vinicola Zonin spa, il 9 gennaio 2007 durante la breve visita a Vicenza dell`ambasciatore Usa in Italia, Roland P. Spogli - oggetto un "sopralluogo alla base militare americana Ederle e all`aeroporto Dal Molin"- è stato l`unico imprenditore locale ad essere ammesso ad un colloquio privato con il diplomatico.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L`incontro è avvenuto tra l`altro non in una sede istituzionale pubblica ma proprio presso la sede centrale della Banca Popolare di Vicenza.

In un`intervista rilasciata il 15 gennaio al “Corriere della sera”, Gianni Zonin, dopo aver dato un forte parere favorevole alla base USA Dal Molin, afferma: “Vicentini oppositori? Non ne conosco. Ho parlato con un centinaio di imprenditori. Non ce n`è uno che sia contrario.” Questo significa che per il sig. Zonin i diritti di cittadinanza sono legati al censo delle persone e che sul futuro della città non contano le opinioni e i sentimenti del resto della cittadinanza “non-imprenditoriale”. Nella stessa intervista Gianni Zonin minimizza sull`impatto ambientale dell`opera anteponendo a questo argomento i vantaggi economici di pochi!

BOICOTTA i vini Zonin e le altre sue etichette (Podere il Giangio, Cà Bolani, Masseria Altemura, Feudo Principi di Butera, Rocca di Montemassi, Castello D`Albola, Azienda Monte Oliveto, Castello del Poggio, Tenuta il Bosco).

La costruzione della base USA al Dal Molin è una scelta che va contro noi cittadini e contro il bene della nostra città, di sicuro comporta un costo annuale per lo stato italiano, cioe` per tutti noi, pari al 41% del mantenimento della base, a cui si aggiungono tutti i costi ambientali attuali e quelli futuri per la bonifica dell`area. (Nel 2004 lo stato italiano ha speso 360 milioni di euro per basi Usa, di cui 66 milioni per la sola Ederle).

Boicotta i prodotti della casa vinicola Zonin.

Non lo beviamo Zonin – Via le basi di guerra

 Questa storia è stata letta 5627 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date