La Mega Sigonella

Uno scempio ambientale il villaggio Usa di Lentini

Notizie Verdi
  La costruzione a Lentini del nuovo villaggio per i militari Usa di Sigonella sarebbe uno scempio ambientale e un danno economico per i cittadini`. Così il senatore dei Verdi-Pdci Mauro Bulgarelli.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

`La costruzione di mille villette per i militari della base significherebbe invadere con migliaia di tonnellate di cemento un`area di grande pregio paesaggistico e archeologico e sconvolgere la vita della popolazione, alla quale si cerca di indorare la pillola con il miraggio delle entrate che ne deriverebbero per le casse del comune. Ma chi pagherà i consumi degli americani?`.

Bulgarelli continua: `I militari Usa e i loro familiari consumano circa un miliardo di litri d`acqua all`anno e una quantità enorme di energia elettrica ma pagano, grazie alla regola del burden sharing (`condivisione del peso`), solo il 37% di quanto consumano e usufruiscono di sgravi fiscali e forniture gratuite per trasporti e servizi: basti pensare che gli americani pagano la benzina 40 centesimi al litro. Questo insieme di sgravi e facilitazioni costa allo Stato italiano quasi 400 milioni di dollari l`anno. Non solo: chi pagherà le linee elettriche per servire il nuovo villaggio?`.

Il senatore verde, che ha presentato una interrogazione al ministro della Difesa, conclude: `Vorrei ricordare che la Regione Sicilia ha già erogato 388.150 euro per la costruzione delle nuove linee di trasmissione elettrica tra la centrale Enel di Pantano D`Arci e la base di Sigonella e che dall`aprile 2003 è entrato in vigore un accordo tra Us Navy, Enel e un istituto di credito toscano che assicura grandi risparmi sulle tariffe e una riduzione dell`Iva sulle bollette elettriche ai correntisti americani. Insomma, se c`è qualcuno che ci guadagna non sono certo gli abitanti di Lentini e per questo la costruzione del nuovo villaggio va bloccata`.

 Questa storia è stata letta 2392 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date