Migranti: pattugliamento e respingimento congiunto

Fulvio Vassallo Paleologo
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Se il pattugliamento congiunto diventa respingimento collettivo. Il commento di Fulvio Vassallo Paleologo dell`Universita` di Palermo all`accordo Italia-Germania per una presenza a Lampedusa di agenti di frontiera tedeschi.

Dopo le ultime tragedie costate la vita a decine di migranti tra Lampedusa, Malta e le coste nordafricane, il ministro Amato si e` rivolto all`Unione Europea per chiedere aiuto nel contrasto dell`immigrazione clandestina. Sono a tutti note le difficolta` e le contraddizioni della politica comunitaria in materia di asilo ed immigrazione, ormai paralizzata dalla impossibilita` di trovare soluzioni generalmente condivise.

E` ormai fallito il sistema di controllo delineato dagli accordi di Schengen e di Dublino e la politica di sbarramento delle frontiere aumenta il profitto dei trafficanti ed arricchisce i datori di lavoro che sfruttano i migranti costretti alla clandestinita` dalla mancanza di vie di ingresso legale. Manca un vero diritto comunitario dell`immigrazione e dell`asilo.

Le direttive comunitarie sono vincolanti solo per gli standard minimi che garantiscono, ad esempio in materia di asilo e ricongiungimento familiare, e la cooperazione tra i paesi membri avviene soprattutto a livello di cooperazione amministrativa, tra accordi di riammissione fantasma (mai ratificati dai parlamenti nazionali) ed accordi di polizia veri e propri. Procede invece molto bene, e non solo sulla carta, lo sviluppo degli apparati repressivi ed espulsivi, la collaborazione per rimpatriare i migranti irregolari, con voli congiunti, per effettuare refoulement, anche in forma di espulsioni collettive, anche in paesi che non rispettano i diritti fondamentali della persona umana, A scapito della vita umana prevale ovunque la discrezionalita` amministrativa ed il calcolo politico od elettorale.

Se i venticinque paesi non trovano un accordo a Bruxelles nelle sedi istituzionali, con l`approvazione del Parlamento Europeo, e` sufficiente un vertice di ministri dell`interno o dei capi delle polizie dei singoli paesi per inventare, magari dietro la formula della cooperazione rafforzata (solo tra alcuni stati membri) la vera politica dell`immigrazione praticata effettivamente a livello europeo. Una politica proibizionista, che nega il diritto di asilo e ogni possibilita` effettiva di ingresso legale per lavoro, una politica che ricade direttamente sulle vittime dell`immigrazione clandestina, senza scalfire il potere delle organizzazioni criminali, ma anzi accrescendolo, ad ogni inasprimento degli apparati e delle techiche di contrasto.

Ogni anno, di fronte ad un leggero incremento del numero degli ingressi irregolari, le rotte diventano sempre piu` pericolose, i natanti sempre piu` piccoli, per sfuggire ai controlli, gli scafisti rimangono comodamente in patria, limitandosi a vendere il viaggio comprensivo di imbarcazione e rifornimenti, ma la polizia italiana tenta di estendere con l`alibi offerto dalla collaborazione europea, il controllo fino alle coste libiche, sulla base del modello Albania (irripetibile a queste latitudini) continuando a perseguitare potenziali richiedenti asilo come eritrei o sudanesi, ritenuti scafisti (di se stessi). Non si sa dove arriva la improntitudine e l`improvvisazione, e dove invece emerge un cinico filo conduttore che vorrebbe rendere ancora piu` difficile l`accesso alla “fortezza” Europa.

Si moltiplica di certo il numero dei morti, dalla Grecia a Lampedusa, dalla Tunisia al Marocco ed alle Canarie. Morti necessari, secondo qualcuno, forse, perche` potrebbero indurre altri a desistere. Ma non e` cosi` e persino gli scampati alle tragedie, dopo il rimpatrio forzato, o dopo il respingimento verso la Libia, ritentano spesso l`avventura per raggiungere l`Europa.

Cosa puo` fare adessola Ue? Secondo il ministro Amato l`Unione Europea puo` fare almeno tre cose. La prima e` mandare una squadra a Lampedusa: dispone anche di velivoli con i quali puo` ripartire nei nostri Paesi gli immigrati. La seconda e` attivare rapidamente, e se ne era parlato nel consiglio dei ministri europeo giorni fa, un pattugliamento comune con mezzi di piu` paesi del Mediterraneo il piu` possibile vicini alla Libia per contrastare l`uscita dai porti libici. La terza – ha concluso – richiamare la Libia a nome dell`intera Europa ad un controllo il piu` efficace possibile“.

L`appello di Amato ha trovato la pronta risposta del vicepresidente della Commissione Europea Frattini e del Ministro degli interni tedesco Scheauble che si e` impegnato ad inviare agenti federali a Lampedusa, nell`ambito del programma di azione della Agenzia dell`Unione Europea denominata FRONTEX

L`agenzia europea per la gestione della cooperazione operativa alle frontiere esterne degli Stati membri dell`Unione europea (FRONTEX) e` stata istituita con il regolamento (CE) n. 2007/2004 del Consiglio del 26 ottobre 2004 (GU L 349 del 25.11.2004).

FRONTEX, in collaborazione con EUROPOL, ha il compito di coordinare la cooperazione operativa tra gli Stati membri in materia di gestione delle frontiere esterne; assistere gli Stati membri nella formazione di guardie nazionali di confine, anche elaborando norme comuni in materia di formazione; preparare analisi dei rischi; seguire l`evoluzione delle ricerche in materia di controllo e sorveglianza delle frontiere esterne; aiutare gli Stati membri che devono affrontare circostanze tali da richiedere un`assistenza tecnica e operativa rafforzata alle frontiere esterne; fornire agli Stati membri il sostegno necessario per organizzare operazioni di rimpatrio congiunte.

Il progetto europeo di contrasto congiunto dell`immigrazione clandestina, denominato FRONTEX, e` gia` costato milioni di euro, e, soprattutto, centinaia di vittime davanti alle coste spagnole, tra le Canarie e il Marocco. La nuova ipotesi del programma JASON 1, che vorrebbe coinvolgere il governo libico nel blocco in mare delle carrette che tentano di raggiungere le coste italiane, per un immediato respingimento verso i porti della Libia, progetto sponsorizzato dal nuovo ministro dell`interno Amato, con l`avallo del Commissario Europeo Frattini e del Ministro dell`Interno tedesco Scheauble e` oggi offerto all`opinione pubblica come rimedio efficace di fronte ad un problema che si continua a considerare esclusivamente come una questione di repressione e di militarizzazione delle frontiere. E` una ulteriore mistificazione che produrra` soltanto altra morte e disperazione.

In questo quadro, puo` costituire la premessa per gravi violazioni dei diritti fondamentali della persona il coinvolgimento di unita` navali di paesi che non rispettano i diritti dei richiedenti asilo, come Malta, e l`invio di agenti di polizia tedeschi a Lampedusa, assai probabilmente nella prospettiva della organizzazione di voli congiunti (italo-tedeschi) per organizzare espulsioni collettive verso paesi nei quali l`Italia non effettua rimpatri, ma nei quali da tempo la Germania spedisce richiedenti asilo denegati che vengono consegnati dalla polizia tedesca nelle mani dei loro persecutori (come e` successo in diverse occasioni per i Kurdi respinti dalla Germania in Turchia).

Si apprende proprio in queste ore che la nave Sibilla della Marina Militare italiana avrebbe gia` praticato, in collaborazione con unita` navali della Marina militare tunisina il primo respingimento in mare verso un porto tunisino, consegnando alle autorita` di quel paese una imbarcazione carica di migranti che era stata intercettata in acque internazionali. Nessuna Convenzione internazionale prevede questo tipo di respingimento in mare, e la Direttiva emanata nel 2002 da Berlusconi si limitava a prevedere il blocco delle imbarcazioni cariche di migranti irregolari al solo scopo di effettuare le ispezioni a bordo. Queste prassi al di fuori della legalita` internazionale alimentano il rischio di nuove stragi e possono costituire una gravissima lesione del diritto di asilo riconosciuto a livello internazionale e dalla Costituzione italiana.

 Questa storia è stata letta 4413 volte

Il libro / Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Tra breve riprenderanno le presentazioni del libro. Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto