Cap Anamur/Welcome to Pian del Lager

  La vicenda dei 37 profughi africani giunti nella nostra isola a bordo della nave umanitaria tedesca Cap Anamur rappresenta una vera e propria dichiarazione di guerra dello Stato italiano a tutti i migranti. Dopo 22 giorni di mare, gli infiniti no del governo ed infine l’autorizzazione all’attracco, i 37 sono stati deportati nel Centro di detenzione di Agrigento prima e nel CPT di Caltanissetta successivamente.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Gli sviluppi di questa vicenda dimostrano come l’episodio “Cap Anamur” sia divenuto una sorta di laboratorio di sperimentazione delle tecniche repressive verso i migranti e verso chiunque lotti contro leggi liberticide che nel nostro paese hanno decretato la riduzione a “clandestini” di migliaia e migliaia di esseri umani in fuga dalla povertà e dalle guerre.

La Bossi/Fini è una legge liberticida ed illegale, e man mano che la Corte Costituzionale esamina i ricorsi presentati da tutti i tribunali italiani ne rivela, pezzo dopo pezzo, gli aspetti più disumani ed incostituzionali; ma malgrado i pronunciamenti e la mobilitazione in corso il governo prosegue nel suo progetto illegale e liberticida.

Il governo ha prima trasferito 14 dei 37 migranti “clandestinamente” e a notte fonda nel Cpt di Roma e continua a trattenere illegalmente i 22 rimasti nel Cpt di Pian del Lago.

Una delegazione composta da legali, parlamentari e sindaci provenienti da tutta Italia, tra cui Giuseppe Caccia, assessore Comune Venezia, Sandro Metz, cosigliere regionale Friuli Venezia Giulia, è entrata l’altro ieri all’interno del Cpt per dare sostegno e tranquillizzare i 22 sudanesi rimasti dopo il trasferimento di 14 naufraghi a Roma. I 2 membri della delegazione si sono rifiutati di uscire dal Centro finchè non fosse chiaro il destino dei migranti.

La risposta da parte delle forze dell’ordine a questo atteggiamento assolutamente non violento e di solidarietà è stata spaccare la testa a Sandro Metz, caricarlo su una volante e , insieme a Giuseppe Caccia, abbandonarlo in mezzo alla strada lontano dal Cpt, il tutto mentre davanti ai cancelli la polizia in assetto antisommossa ha spinto e preso a calci i manifestanti con le mani alzate.

Il Presidio e la mobilitazione davanti il Cpt di Caltanissetta continuano. La nostra presenza è fondamentale per impedire altri colpi di mano, per dimostrare la nostra solidarietà ai 22 sudanesi ed a tutti i migranti trattenuti senza ragione, per denunciare l’atteggiamento illegale del governo.

 Questa storia è stata letta 1876 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto