Dichiarazione finale del Forum di Caracas: l`acqua bene comune

Forum Sociale Mondiale Caracas 2006
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Durante il Forum Sociale Mondiale policentrico di Caracas, in continuità con gli incontri degli anni precedenti, i movimenti sociali che in tutto il pianeta lottano per il diritto all`acqua e contro la sua mercificazione, hanno redatto e sottoscritto una piattaforma comune a partire dai problemi regionali in una ottica globale.

DICHIARAZIONE CONGIUNTA DEI MOVIMENTI E ORGANIZZAZIONI SOCIALI SULL`ACQUA

Considerando che:

1. l`acqua è un Bene Comune e l`accesso all`acqua è un Diritto umano fondamentale e inalienabile. L`acqua è un patrimonio delle comunità, dei popoli e dell`umanità, è l`elemento costitutivo della vita nel nostro pianeta. L`acqua non è una merce! Perciò rifiutiamo ogni forma di privatizzazione, incluse le società pubblico-private.

2. la gestione e il controllo dell`acqua devono riamanere in ambito pubblico, sociale, comunitario, partecipato, equo tra i generi e non devono avere fini di lucro; è compito di tutte le istituzioni pubbliche locali, nazionali e internazionali di garantire tali condizioni;

3. va garantita la solidarietà tra le generazioni presenti e future, perciò rifiutiamo il modello consumista e basato sulla crescita che causa l`eccessivo sfruttamento della Madre Terra;

4. è necessaria una gestione sostenibile degli ecosistemi e la salvaguardia dell`intero ciclo idrologico mediante la pianificazione del territorio e la conservazione degli ambienti naturali, considerando i bacini idrografici come le unità di base entro le quali mettere in atto la partecipazione dei cittadini alle decisioni sulla programmazione, gestione e controllo;

CHIEDIAMO alle organizzazioni, movimenti sociali, governi e parlamenti di includere questi principi nelle legislazioni locali, nazionali e internazionali;

ESIGIAMO l`esclusione dell`acqua dalle leggi di mercato come imposto dall`OMC, TLC e dagli altri accordi internazionali sul commercio e investimenti; l`abolizione del CIADI, alla luce dell`esperienza di Cochabamba e degli altri popoli che intendono riportare la sovranità dei loro beni comuni in mano pubblica; di riscattare e promuovere la gestione pubblica, sociale, comunitarie integrale dell`acqua;

RIFIUTIAMO come illegittime tutte le richieste di profitto e indennizzazione delle società e delle multinazionali;

CHIEDIAMO ai governi che parteciperanno al Forum dell`acqua a Città del Messico, agli incontri del Mercosur, che compongono l`Unione Europea e la Banca Mondiale, che rifiutino qualsiasi istanza che non tenga inconsiderazione queste richieste;

PROPONIAMO di diffondere esperienze per la costituzione di fondi di solidarietà finalizzati al finanziamento di modelli di gestione dell`acqua pubblici, partecipati, comunitari e sociali e alla formazione di reti come l`iniziativa “Portatori e portatrici di acqua”; la creazione di un osservatorio di organizzazioni sociali, movimenti e reti di cooperazione internazionale per il monitoraggio delle attività delle multinazionali che hanno a che fare con l`Acqua e i Beni Comuni, che coinvolga anche il Parlamento Europeo, i governi locali e le Istituzioni democratiche dell`America Latina;

CI IMPEGNAMO a dare vita a comitati che attraverso l`educazione, l`organizzazione e la mobilitazione dei popoli a livello locale, regionale, nazionale e globale mettano in atto questi obiettivi; a rafforzare le campagne contro la privatizzazione, ad esempio la campagna “Fuori l`OMC dall`acqua”; a raccordare la lotta in difesa dell`acqua con le lotte degli altri movimenti sociali.

Intendiamo rafforzare i legami e la collaborazione tra i movimenti e le organizzazioni sociali sull`acqua dandoci appuntamento durante il 2006:

– alle “Giornate della cittadinanza” in marzo a Città del Messico;

– all`incontro “Allacciando alternative – Unione Europea e America Latina” in maggio a Vienna;

– alla “Riunione della Comunità Sudamericana delle Nazioni” in settembre in Bolivia;

– alla “Assemblea dei cittadini e degli eletti per l`acqua” in dicembre a Bruxelles.

Forum Sociale Mondiale Policentrico

Caracas, 27 gennaio 2006

ARGENTINA – Mesa Nacional de Articulación del FSM en Argentina; Nucleo Integración de Gualeguaychu.

BOLIVIA – Coordinadora nacional para la defensa del agua, los recursos naturales, los servicios básicos y la vida; Coordinadora para la defensa del agua y e la vida de Cochabamba; Fundación Solón.

BRASILE – ASA, Articulacion en el Semi-Árido brasileño; Foro Nacional por la reforma urbana FNRU; Foro Panamazzonico; Frente Nacional de saneamiento ambiental; Red Brasileira por la integración de los pueblos REBRIP; Red Vida Brasil Rede Brasil.

COLOMBIA – Comité Organizador Colombiano del Foro Social Mundial – COCE confondo Unión Nacional de Usuarios y defensores de los servicios públicos.

CUBA – Fundación Antonio Nuñez Jimenez de la Naturaleza y el Hombre.

FRANCIA – Comité francés para el Contrato Mundial sobre el agua; France Libertés; Fundación Danielle Mitterrand.

OLANDA – Corporate Europe Observatory;

ITALIA – A Sud; Abruzzo Social Forum; ATTAC Italia; CeVI; Comitato italiano per il Contratto Mondiale sull`acqua; Forum Mondiale delle Alternative; Legambiente; Tavolo Diritto all`acqua della Regione Friuli Venezia Giulia; Tavolo Acqua Toscana; Forum ambientalista.

MESSICO – Coalición de organizaciones mexicanas por la defensa del agua COMDA; Equipo Pueblo; RMALC – Red Mexicana frente al Libre Commercio.

PARAGUAY – Fundación Celestina Pérez de Almada.

URUGUAY – Casa Bertolt Brecht; CNDAV, Comisión Nacional en Defensa del Agua y de la Vida; Redes Amigos de la Tierra; Uruguay Sustentable.

VENEZUELA – Mesas técnicas del agua.

ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI – Alianza social continental; Comitato internazionale per il Contratto Mondiale sull`acqua; Grupo GUE/NGL del Parlamento Europeo (UNION EUROPEA); HIC América Latina International Public Service IPS Transnational.

Questa storia è stata letta 3860 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »