La Svizzera boccia l`uso di OGM in agricoltura

Redazione Notizie Verdi
Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Gli svizzeri hanno detto sì ad un divieto di cinque anni per l’utilizzo di organismi geneticamente modificati (Ogm) in agricoltura: i pareri favorevoli alla moratoria per gli ogm hanno raggiunto il 55,7% mentre i no si sono fermati al 44,3%.

Tutti i cantoni hanno approvato la moratoria. Il referendum stoppa l`importazione e la coltivazione di piante e sementi ma non blocca la ricerca in laboratorio. Deluso il governo elvetico, che aveva fatto campagna a favore del “no”. Per il ministro italiano alle politiche agricole Gianni Alemanno il voto elvetico è invece un monito per chi in Italia e in Europa, con un po’ troppa leggerezza, sostiene a spada tratta il biotech.

Soddisfatti i Verdi: “Il risultato del referendum in Svizzera – ha commentato a caldo Loredana De Petris, senatrice dei verdi e membro della Commissione Agricoltura – è la conferma che i cittadini sono contrari ad ogni forma di coesistenza tra agricoltura convenzionale e organismi geneticamente modificati ed è un forte segnale all`Unione Europea perché accolga le richieste delle Regioni che hanno dichiarato il loro territorio libero da Ogm”.

“E` la prima consultazione popolare su questo tema – dice ancora la senatrice – che si svolge sul territorio continentale e il risultato non lascia adito a dubbi. C`è ora la concreta possibilità di valutare la costituzione di un`ampia regione transnazionale libera da Ogm che valichi le Alpi”.

“Nessuno può pensare al popolo elvetico – ha detto il ministro Alemanno – come ad un popolo culturalmente arretrato, nemico della ricerca scientifica, suggestionato da spinte demagogiche e da estremismi ecologisti eppure il risultato è chiaro: la maggioranza dei cittadini elvetici non vuole nessuna forma di coltivazione o di importazione di ogm sul proprio territorio”.

Per il ministro “la strada di estrema prudenza su cui abbiamo attestato anche l`Italia è una scelta responsabile, attenta alle richieste dei consumatori e alla vocazione italiana per un agroalimentare di qualità”.

Per Alemanno, ancora, anche l`Unione europea “deve riflettere rispetto all`eccessiva disinvoltura con cui accetta varietà ogm nel proprio territorio e al modo sbrigativo con cui ha condannato le Regioni ogm-free; oggi, nel cuore culturale e geografico dell`Europa, esiste una gigantesca Regione ogm-free”.

Soddisfatta anche Coldiretti, che ricorda come anche gli italiani siano contrari agli ogm: “Più di sette italiani su dieci che esprimono un’opinione al riguardo sono convinti che i prodotti Ogm non fanno bene alla salute”.

“Per evitare di produrre danni irreparabili all`ambiente e alla salute dei cittadini occorre – sostiene la Coldiretti – essere fermi nel rispetto del principio di precauzione per evitare di compiere scelte irreversibili in attesa di risultati scientifici univoci”.

Secondo l`organizzazione è necessario procedere con prudenza per non rischiare di pregiudicare il primato della qualità dell`agricoltura italiana. “Anche la sempre maggiore adesione di amministrazioni locali alla delibera sostenuta dalla Coldiretti per liberare i territori comunali dal transgenico – afferma l`organizzazione – testimonia la contrarietà generale nei confronti degli Ogm che non servono alle imprese agricole e ai consumatori”.

Redazione Notizie Verdi, 27 novembre 2005.

Questa storia è stata letta 1435 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »