Sequestrati 30 milioni di litri di latte avariato: si tratta di prodotti della multinazionale Nestlé che dovrebbero scadere nel settembre 2006. Il problema è nella confenzioni che contengono la bevanda.

     

Scritto da Redazione Terrelibere.org

Gli uomini del corpo forestale dello Stato sono stati impegnati in tutta Italia per sequestrare circa 30 milioni di litri di latte per bambini della multinazionale Nestlé: praticamente tutto il quantitativo disponibile con scadenza settembre 2006. A firmare l`ordinanza di sequestro è stato il procuratore capo di Ascoli Ponticelli, titolare dell`inchiesta. Il latte risulterebbe avariato da una sostanza prodotta dalla confezione che contiene il latte. Le tipologie del prodotto sotto sequestro sono: “Mio”; “Mio Cereali”; “Nidina 2”; “Nidina 1” (quest`ultimo peró con scadenza maggio 2006).

Un primo sequestro di due milioni di litri riguardante solo latte “Mio” e “Nidina 2” era avvenuto lo scorso 9 novembre; ulteriori analisi avrebbero peró accertato che tutte le confezioni in scadenza nel settembre 2006 sarebbero contaminate e quindi da ritirare dalla vendita.

In realtà, spiegano dalla Forestale, non è ancora stato stabilito se la sostanza sia tossica o meno ma aveva comunque alterato il latte: da qui la necessità di ritirarlo. Oltre che nei supermercati, negozi e farmacie, i sequestri sono stati effettuati anche nei magazzini di stoccaggio della Nestlé.

La Nestlè, fanno comunque sapere dalla Forestale, ha già sostituito il contenitore incriminato.

Redazione Terrelibere.org

Sull'autore