Nel 2004 assassinati nel mondo 145 sindacalisti (99 in Colombia)

Agenzia Misna
  Sono stati 145 i sindacalisti uccisi nel corso del 2004 in tutto il pianeta: lo si apprende da un rapporto della ‘International Confederation of Free Trade Unions’ (Icftu), secondo cui un triste ‘primato’ in materia spetta alla Colombia, con ben 99 esecuzioni.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Il dato più rilevante è che l’anno scorso i sindacalisti uccisi sono stati 16 volte in più rispetto al 2003, a dimostrazione che le condizioni dei lavoratori (e il rispetto dei loro diritti) su scala globale hanno subito un netto peggioramento.

Dal rapporto, riferito a 137 Paesi, risulta che l’anno scorso oltre ai sindacalisti morti almeno altri 704 sono stati torturati, picchiati o feriti, in 463 hanno ricevuto minacce e in 4.558 hanno perduto il posto di lavoro; in 2.107 sono stati inoltre arrestati e in 184 hanno subito l’umiliazione del carcere.

Sebbene in nessun Paese si raggiungano i numeri del caso colombiano, il rapporto segnala che anche in Africa sono state gravi le violazioni dei diritti dei sindacalisti, con tre difensori dei diritti dei lavoratori, ad esempio, uccisi in Nigeria.

In Asia, è la Cambogia a preoccupare la Icftu, con due alti dirigenti sindacali assassinati, senza dimenticare che in Cina – dove vivono 600 milioni di lavoratori, pari a circa metà della popolazione – il diritto alla rappresentanza sindacale è del tutto negato.

In sostanza, conclude il rapporto, il 2004 non è stato affatto un buon anno per i diritti dei lavoratori e per i loro rappresentanti.

[LL] – MONDO 19/10/2005

 Questa storia è stata letta 1927 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto