Consiglio Regionale Marche boccia la direttiva Bolkestein

Agenzia ANSA
  Passa a larga maggioranza nel Consiglio Regionale Marche la mozione contro la direttiva Bolkestein che spiana la strada alla privatizzazione dei servizi sociali nell`Unione europea. I consiglieri regionali chiedono agli europarlamentari di opporsi alla sua approvazione.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Il consiglio regionale delle Marche ha approvato, con 21 voti favorevoli e quattro astenuti, una mozione presentata dai consiglieri del Pdci Cesare Procaccini e Raffaele Bucciarelli contro la direttiva Bolkestein.

Tra i voti a favore, quello espresso a titolo personale da Giancarlo D` Anna (An), mentre il resto dell`opposizione si è astenuto.

Il documento chiede ai parlamentari europei di impegnarsi affinchè la direttiva sulla liberalizzazione dei servizi venga ritirata, ai parlamentari italiani di attivare un intervento “nei confronti del Governo nazionale“ e alla Regione Marche di rappresentare “in tutte le sedi nazionali e internazionali la sua contrarieta` a tale direttiva“.

Procaccini ha ricordato le riserve espresse da Confindustria e dai sindacati e ha osservato che in caso di approvazione da parte del Parlamento europeo “saremmo di fronte al rischio reale di mettere a repentaglio il modello sociale europeo“.

Nel dibattito sono intervenuti Michele Altomeni (Prc) – secondo il quale la direttiva Bolkestein “tende a rinchiudere all`interno di organismi tecnocratici scelte che dovrebbero competere agli organismi politici e che riguardano il benessere dei cittadini“ – e Franco Capponi (FI), il quale ha annunciato l`astensione del gruppo forzista, osservando che nella

direttiva stessa, “poco conosciuta“, ci sono anche disposizoni positive“, oltre a “criticità“. “Le liberalizzazioni – ha aggiunto – hanno lo scopo di abbassare il costo dei servizi per i cittadini, grazie a un`effettiva concorrenza“.

Astensione anche per An: per il capogruppo Carlo Ciccioli la direttiva – comunque nata “in epoca Prodi“ – “va valutata con prudenza e se necessario modificata“, ma “ci sono principi di liberalizzazione nei servizi pubblici che vanno sostenuti“.

Di diverso avviso Giuliano Brandoni (Prc), che ha espressodissenso sulla direttiva Bolkestein: “va contro la carta dei diritti dei lavoratori e la normativa sulla tutela sindacale“.

Stefania Benatti (Margherita) ha annunciato il voto favorevole dell`Ulivo. E anche se la direttiva è stata proposta da Prodi – ha detto – “non è stata presentata nella maniera giusta, ma in una stesura che non convince e che porterà rischi e difficoltà soprattutto nei servizi pubblici“. Non a caso – ha

concluso – altri Paesi, tra cui il Belgio, hanno espresso delle riserve.

ANSA – – ANCONA, 18 OTTOBRE

 Questa storia è stata letta 1575 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto