Notizie

Colombia: appoggio dell`Unione europea alla legge pro-paramilitari

I ministri degli Esteri dell’Unione Europea hanno espresso il loro appoggio alla ‘Ley de Justicia y Paz’ voluta dal governo colombiano per regolare il quadro giuridico dei paramilitari smobilitati, esprimendo al contempo preoccupazione per la situazione dei diritti umani nel Paese.

     

Scritto da Francesca Belloni

Secondo la Ue la legge approvata nel giugno scorso dal Parlamento di Bogotá costituisce “un passo avanti significativo” stabilendo le norme per il disarmo delle Autodifese unite della Colombia (Auc) e la loro reintegrazione nella vita sociale.

Tuttavia, condividendo le preoccupazioni dell’Alto commissariato Onu per i diritti umani e di altre organizzazioni, i 25 ritengono che la nuova normativa non tenga sufficientemente conto “dei principi della verità, della giustizia e della riparazione alle vittime in base agli standard internazionali”.

Lo scarso tempo a disposizione per le indagini sui responsabili di efferati crimini, le lievi pene previste in caso di gravi delitti – dai 5 agli 8 anni di carcere per omicidi mirati e massacri di civili – e le incognite relative ai finanziamenti per gli indennizzi sono alcuni dei temi su cui sussistono perplessità. Al di là delle incognite, la Ue si è detta convinta che “un’applicazione efficace e trasparente” della nuova legge, unita alle raccomandazioni dell’Onu, avrà “un impatto positivo per la pace in Colombia”.

[FB] – COLOMBIA 4/10/2005

Sull'autore