Guatemala: strage in carcere di appartenenti a bande giovanili

Agenzia Misna
  Almeno 14 aggregati alle ‘pandillas’, le bande criminali giovanili, sono stati assassinati questa notte in un carcere preventivo per minori, il ‘Centro de Rehabilitación para Menores Fase II’, ubicato nel municipio di San José Pinula, nella periferia occidentale della capitale guatemalteca.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

A compiere l’eccidio, secondo quanto riferito dal ministro dell’Interno Carlos Vielman, sarebbero stati affiliati alla ‘Mara 18’, una delle ‘pandillas’ attive nel Paese.

Secondo la ricostruzione fatta dagli inquirenti, un commando di giovani criminali avrebbe fatto irruzione nel carcere, lanciato granate a frammentazione e sparato con fucili da assalto contro un folto gruppo di coetanei, membri dalla ‘Mara Salvatrucha’, una delle principali gang criminali giovanili dell’intero centroamerica.

Oltre alle vittime, sarebbero almeno una decina i feriti. Con il ‘regolamento di conti’ della scorsa notte salgono a 53 i ‘pandilleros’ uccisi in questa faida che dura da 35 giorni, alla quale le autorità non riescono a porre un freno.

[LL] – GUATEMALA 20/9/2005

 Questa storia è stata letta 1589 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto