Sudan: nonostante il conflitto raddoppiano gli investimenti stranieri

  Nel 2004 gli investimenti stranieri nel settore non petrolifero in Sudan hanno raggiunto quota 1,4 miliardi di dollari e per quest’anno si prevede il raddoppio a 2,8 miliardi.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Lo ha dichiarato il ministro per gli Investimenti Abdalla Hassan Eisa in occasione di una fiera finanziaria a Khartoum, il ‘Sudan Invest Forum 2005’. Ha poi aggiunto che ci si attende un raddoppio anche dalle esportazioni dei prodotti non petroliferi, l’anno scorso pari a 1 miliardo di dollari.

La presenza economica straniera spazia in molti settori: dalle costruzioni al turismo, dai servizi finanziari ai trasporti oltre che al settore energetico. Il ministro ha aggiunto che allo scopo di incentivare i commerci il governo ha intenzione di costruire un altro porto in aggiunta a quello di Port Sudan, finora l’unica struttura portuale della nazione dove sono imbarcate tutte le risorse (petrolifere e non). Non solo, ma Karthoum vorrebbe aprire ad azionisti privati, anche stranieri, la compagnia aerea di bandiera ‘Sudan Airways’, di cui il governo conserverebbe il 25% delle quote.

Il ministro delle Finanze e dell’Economia Al-Zubair Ahmed Hassan, allo stesso Forum, ha detto che la crescita economica del Sudan ha raggiunto un tasso del 7%; aggiungendo che le autorità mirano ora ad attirare investitori nelle regioni del Sud Sudan, recentemente pacificate dopo un conflitto ventennale.

[BF] – SUDAN 16/9/2005

 Questa storia è stata letta 1502 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto