Indigeni contro estrazione petrolio in Parco Nazionale dell`Ecuador

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Gli indigeni ecuadoriani Huaoranis si mobilitano contro lo sfruttamento petrolifero del Parco Nazionale Yasuní, avviato dalle transnazionali Petrobas e Repsol-YPF. Il Parco è la maggiore riserva di biodiversità dell`Ecuador.

La Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador e la nazionalità Huaorani annunciano la decisione di impedire lo sfruttamento petrolifero nel Parco Nazionale Yasuní (dichiarata area protetta e Riserva della Biosfera) autorizzata dal Governo corrotto e defenestrato di Lucio Gutiérrez che ha violentato la Costituzione, convenzioni internazionali, la legge, e in particolare i diritti umani, collettivi, ambientali a favore degli interessi delle multinazionali PETROBRAS e REPSOL-YPF.

Più di venti comunità Huaorani che raggruppano più di 2.300 sopravvissuti allo sfruttamento petrolifero nella provincia di Orellana e Sucumbios, hanno deciso di non permettere più lo sfruttamento petrolifero nei loro territori, di non considerare validi i contratti e di non permettere ulteriori violazioni della Costituzione.

Il Dirigente Huaorani Moi Enomega e il Presidente della CONAIE, Luis Macas, hanno dichiarato che mai si è conclusa la consulta previa con le popolazioni indigene e che mai permetteranno lo sfruttamento del petrolio da parte delle compagnie.

La CONAIE farà ricorso a tutte istanze legali internazionali, alla Corte Interamericana dei Diritti Umani e ad altre istituzioni perché, come per il popolo di Sarayaku, sia fatto prevalere il rispetto dei diritti umani, collettivi e ambientali.

Il governo defenestrato di Lucio Gutiérrez attraverso i suoi “burattini” e Ministri dell’Ambiente ha rilasciato licenze ambientali illegali, violando espressamente le leggi dello Stato, come la “Ley Forestal y Conservaciòn de Area Naturales y Vida Silvestre” vigente dal 1981, il Convegno 169 della OIT, i Diritti Economici, Sociali e Culturali, la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani del 1948. Di conseguenza la Licenza Ambientale concessa a Petrobras non è valida.

Il Parco Nazionale Yasuní è la maggiore riserva di biodiversità del Paese, un’area occupata ancestralmente dai popoli come gli Huaoranis, che considerano questi territori la loro ultima possibilità di sopravvivenza. Per questa ragione la CONAIE è sul piede di guerra per impedire che lo sfruttamento minerario, i trafficanti di legno, di terra e biodiversità, ladroni di proprietà intellettuale, cacciatori furtivi, e altri avventurieri entrino nei territori per distruggere la vita nel Parco Yasuní.

La CONAIE denuncia e domanda al Governo ecuadoriano, presieduto da Alfredo Palacio, il rispetto della Costituzione Politica dell’Ecuador, dei Convegni, dei Trattati internazionali e chiede il sostegno della comunità nazionale e internazionale per fare fronte comune nella lotta in difesa de Le Nazionalità e i Popoli Indigeni dell’Ecuador.

La CONAIE ribadisce che non permetterà che il Governo continui a non applicare le raccomandazioni della Corte Interamericana dei Diritti Umani. Esige che il Governo le applichi immediatamente, così come la revisione di tutti i contratti petroliferi, modificando gli aspetti lesivi degli interessi nazionali e dei diritti dei popoli, come nel caso della multinazionale Occidental, Texaco-Chevron, Clipper (Arajuno), Petrobras, Repsol YPF.

La Conaie esorta l’orgogliosa popolazione di Quito e dell’Ecuador a pronunciarsi e partecipare questo martedì alla marcia dal Parco El Arbolito fino alla Presidenza e al Congresso per consegnare alle autorità la carta del popolo Huaorani perché ascoltino la voce dei popoli o che SE VAYAN TODOS.

Luis Macas Ambulidi – Presidente della Conaie (Confederazione delle Nazionalità Indigene dell’Ecuador).

Questa storia è stata letta 4941 volte
Filiere. Cosa c’è dietro l’etichetta?
I legami tra caporalato e filiera agroalimentare
Scopri »