Sempre più civili le vittime delle guerre in corso

  Sempre più civili e minori muoiono in conseguenza delle guerre del pianeta. Un rapporto dell`Associazione Società Informazione e dalla Cgil nazionale denuncia la morte di 2 milioni di minorenni negli ultimi dieci anni.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print


Nelle guerre attualmente in corso, le vittime civili sono comprese tra l`80% e il 90% del totale.

Furono il 5% nella prima guerra mondiale (in cui morirono circa 15 milioni di persone) e il 66% nella seconda (55 milioni di morti).

E` uno dei dati divulgati nel Rapporto sui diritti globali 2004, curato dalla Associazione Società Informazione e promosso dalla Cgil nazionale.

Negli ultimi 10 anni – denuncia il Rapporto – circa 2 milioni di minorenni sono morti in guerre e conflitti e almeno 6 milioni sono rimasti feriti o disabili; tra i minori sopravvissuti, circa un milione sono rimasti orfani e 10 milioni lamentano disturbi psichici. Mentre sono tra i 300mila e i 500mila i bambini e i ragazzini utilizzati con mansioni diverse nei conflitti armati in almeno 18 Paesi.

Tra le cause di morte, l`esplosione di mine antiuomo e gli ordigni disseminati in 82 Paesi: solo il 15% delle 15-20mila vittime di mine registrate nel 2002 fossero militari.

 Questa storia è stata letta 2274 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto