Un commento sull`esito referendario dell`Associazione Volontarie del Telefono Rosa di Torino.

     

REFERENDUM 2005

Dunque, il quorum non è stato raggiunto. Pertanto, i 4 referendum sulla fecondazione assistita, nonostante l`infervorato dibattito dell`ultima settimana, sono falliti.

Che dire? Da un lato, è nella logica dei referendum scontrarsi su percentuali di voto non sempre esaltanti: anche se qualche tema ha davvero fatto il pieno di votanti.

In questo caso, la disinformazione ha fatto tanto. Ma non tutto. E` una delle poche occasioni in cui si è assistito a valutazioni trasversali: da destra a sinistra, il fronte del SI ha dovuto scontrarsi contro un fronte che, da destra a sinistra, inneggiava all`astensione.

Quindi, pochi riferimenti partitici e sbando per chi ritiene che una indicazione di voto debba venire dal proprio schieramento, esattamente come avviene per le elezioni politiche o amministrative.

E poi la grande confusione sull`astensionismo. E` stato un referendum dove non si sono scontrati sostenitori del SI e del NO (come logica vorrebbe). Anzi, il SI ha avuto come nemico il fronte dell`astensione, religiosa, etica, politica, scientifica, ai quali si sono aggiunti coloro che hanno pensato, come spesso accade nei referendum, ad espressioni di voto di serie B.

Ora, che accadrà? Chi ha votato SI ha espresso chiaramente il dissenso ad una legge che nega diritti e libertà: chi ha votato NO avrà avuto le sue ragioni per farlo. Chi si è astenuto (ed ha invitato i cittadini a farlo) non crede comunque in questa legge, perchè non ha fatto nulla per mantenerla. Ma volerla cambiare nel senso dello schieramento trasversale dell`astensione, pensiamo che abbia il significato inequivocabile di un pericolo ai diritti di libertà, di genitorialità, di ricerca scientifica. E nel nome del dibattito etico (che pure non c`è stato) potrebbe accadere che questa legge cambi: in peggio, però.

Chi esce sconfitto? Non i promotori, e nemmeno le associazioni e i singoli che hanno appassionatamente cercato di motivare il senso dei loro SI. Esce sconfitto il diritto di cittadinanza, come anche la conquista, che sembrava ormai consolidata, dei referendum: con buona pace di coloro che hanno boicottato un diritto sacrosanto che, in fondo, è l`unico che consente ai cittadini di intervenire direttamente su norme e leggi.

Associazione Volontarie del Telefono Rosa, Torino, http://www.mandragola.com/tel_rosa, telefonorosa@mandragola.com

Sull'autore