Cile: sono 200.000 le vittime dello sfruttamento minorile

  Sono quasi 200.000 i bambini e gli adolescenti cileni tra i 5 e i 17 anni - 131.672 maschi e 64.432 femmine - costretti a lavorare per sostentare l’economia familiare.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Molti di loro devono farlo anche “in condizioni inaccettabili, cioè in carenza del rispetto dei loro diritti fondamentali, come l’accesso all’istruzione, al riposo e al gioco” ha ammesso il ministro del Lavoro, Yerko Ljubetic.

Sono poco più della metà del totale, circa 107.000 (il 3% della popolazione nazionale con meno di 18 anni), i minori che lavorano e vivono in condizioni inaccettabili; gli altri 88.000 circa, ha chiarito il ministro, nonostante lavorino hanno invece accesso alla scuola, alla sanità e allo sviluppo personale.

L’80% dei ragazzi e dei bambini lavoratori, ha spiegato Ljubetic ieri, in occasione della Giornata mondiale contro il lavoro minorile, proviene da famiglie povere, i cui genitori molto spesso non hanno potuto studiare o concludere il ciclo formativo e a loro volta sono stati sfruttati da bambini, rinnovando e ampliando così un pericoloso circolo vizioso.

“La scolarizzazione più ampia possibile è il miglior scudo di protezione per i nostri figli” ha detto a questo proposito Sergio Bitar, ministro dell’Educazione del governo di Ricardo Lagos.

[LL] – CILE 14/6/2005

 Questa storia è stata letta 4458 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto