La manifestazione per il ritiro delle truppe dall´Iraq a Roma, indetta dall`arcipelago NOWAR, prima bloccata e poi aggredita dalle forze dell´ordine. Due manifestanti finiscono in ospedale dopo essere stati violentemente colpiti alla testa. Il governo chiamato a rispondere delle gravi violazioni.

     

Non resteranno senza conseguenze politiche i gravi fatti accaduti questa mattina a Roma. La manifestazione dell´arcipelago NOWAR convocata in concomitanza con la parata militare del 2 giugno per chiedere l´immediato ritiro dei militari italiani dall´Iraq, è stata oggetto di una gravissima violazione delle libertà e dell´agibilità democratica nel nostro paese.

La manifestazione era regolarmente autorizzata con un percorso previsto da Porta S. Paolo, via Mormorata, Viale Trastevere, Torre Argentina e si sarebbe concluso con un comizio a Campo dei Fiori dove sarebbe intervenuto anche un medico iracheno di Falluja per testimoniare gli orrori di una guerra ingiusta ed illegale. Ma il governo aveva deciso che la città di Roma il 2 giugno non dovesse vedere persone che invocano la fine della guerra e il ritiro delle truppe dall´Iraq.

Il corteo è stato invece arbitrariamente bloccato alla fine di via Marmorata (dopo appena 500 metri) con il pretesto di uno striscione all´interno della manifestazione. Le parole testuali dello striscione erano “Pisanu vergogna della Repubblica. Chiusura dei CPT”, dunque tutt´altro che offensivo o lesivo. La trattativa per sbloccare la situazione è durata almeno un´ora. Nulla da fare e il corteo decide di tornare sui suoi passi e di concludersi nella vicina piazza di Testaccio (a circa 200 metri da dove era stato bloccato).

Le forze dell´ordine a quel punto hanno bloccato tutte le strade chiudendo ogni via d´uscita alla manifestazione, dando vita sul lato di Testaccio ad una vera e propria “tonnara” (manganellate violente, gratuite, inaspettate), una scelta questa che ha colto di sorpresa non solo i manifestanti ma anche numerosi funzionari di polizia.

Due manifestanti colpiti con violenza alla testa sono stati ricoverati all´ospedale S. Camillo. Altri sono stati feriti in modo meno grave. Un giovane manifestante è stato fermato e poi rilasciato in seguito alle pressioni dei parlamentari presenti. Una manifestazione pacifica, autorizzata e partita con grande tranquillità è stata così trasformata in uno “scenario da Genova” di quattro anni fa.

Gli organizzatori della manifestazione denunciano con forza il sospetto che la cabina di regia di questa violenta, inaspettata e gratuita repressione, sia la stessa che quattro anni fa a Genova decise di stroncare i movimenti sociali.

L´arcipelago NOWAR si sente confortato nei suoi obiettivi dalla maggioranza della popolazione che anche in recente sondaggio (Eures) ha confermato che per il 67% vuole il ritiro delle truppe. D´altro canto il governo è pienamente responsabile dei morti che si stanno accumulando in Iraq solo per far arricchire gli azionisti dell´ENI-AGIP che a Nassyria avevano stabilito le loro concessioni petrolifere ancora prima dell´inizio della guerra.

Il movimento contro la guerra respinge totalmente la versione edulcorata e non vera fornita dalla Questura agli organi di stampa. Questa mattina a Roma si sono consumati fatti gravissimi e lesivi della democrazia nel nostro paese.

Per martedì è stata convocata una assemblea cittadina per decidere una nuova manifestazione. Saranno presentate numerose interrogazioni parlamentari ed è stato chiesto anche al Sindaco e al Prefetto di Roma di prendere posizione.

Roma, 2 giugno

Il movimento contro la guerra (info: 348-7213309).

Sull'autore