Marocco: polizia disperde manifestazione studenti Saharawi

  Una dozzina di studenti feriti e 5 arrestati è il bilancio di un intervento della polizia, che ha disperso una manifestazione di protesta a Rabat a favore dell’indipendenza del Sahara Occidentale, l’ex-colonia spagnola sotto occupazione marocchina che da 30 anni attende il riconoscimento della propria autodeterminazione.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Un centinaio di studenti hanno partecipato all’iniziativa, cantando slogan contro le autorità del Marocco e scagliando sassi contro i poliziotti, che poi hanno reagito. N

elle università marocchine studiano migliaia di studenti saharawi; la protesta di ieri era stata organizzata per esprimere solidarietà agli abitanti dei sobborghi di El Aaiun, capitale del Sahara Occidentale, che nei giorni scorsi avevano manifestato in occasione del 32° anniversario della creazione del Fronte popolare di liberazione del Saguiat el Hamra e del Río de Oro (Fronte Polisario), che dal 1976 al 1991 ha combattuto per liberare la regione dal dominio marocchino.

I cittadini erano scesi in strada per “contro le violazioni dei diritti umani” e per “esigere il diritto del popolo saharawi all’indipendenza e all’autodeterminazione”.

Dal 1991 a oggi i combattimenti tra saharawi ed esercito marocchino sono cessati; il Fronte Polisario – sostenuto dall`Algeria – non ha mai smesso di reclamare la sovranità sulla regione, aspettando di poter svolgere il referendum promesso dall`Onu.

Intanto, dopo trent`anni, ancora 165.000 profughi saharawi, quasi del tutto dipendenti dagli aiuti del Pam (Programma alimentare mondiale) e del governo di Algeri, vivono in campi profughi nel deserto algerino in attesa di poter tornare nelle loro case.

[EB] – MOROCCO 28/5/2005

 Questa storia è stata letta 2069 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date



Lo sfruttamento nel piatto