Conflitti dimenticati

Oltre 60 morti in nuovi attacchi militari in Nepal

  Continua a degenerare la situazione in Nepal dove nelle ultime 48 ore scontri tra maoisti e forze governative hanno lasciato sul campo una sessantina di morti tra cui 9 soldati e poliziotti.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lo riferisce la stampa nazionale citando fonti militari. I combattimenti sono avvenuti nei pressi di Lekhgaon , nel distretto sudorientale di Udayapur, 400 chilometri a est dalla capitale Kathmandu. Si tratta del confronto militare più cruento degli ultimi tempi, dopo quello avvenuto un mese fa a Khara, nel distretto occidentale di Rukum, una delle roccaforti dei maoisti, in cui l’esercito annunciò di aver eliminato circa 150 ribelli.

Oggi i guerriglieri hanno fatto saltare con dell’esplosivo un ripetitore televisivo dell’emittente di Stato a Palpa, sempre nei distretti occidentali, ma non ci sono stati feriti.

Da tre mesi, da quando cioè il sovrano Gyanendra ha perso il controllo dei poteri esecutivi e accentuato le operazioni militari contro la guerriglia, l’esercito continua diramare bollettini di guerra su scontri in diverse parti del Paese.

Solo pochi giorni fa un rapporto del neoministro dell’informazione fissava a 600 i ribelli uccisi dalla svolta politica del re, mentre sarebbero 659 i civili morti e 900 i caduti tra le fila delle forze dell’ordine, ma in questo caso il bilancio riguarderebbe gli ultimi sei mesi.

Intanto sul piano politico e giudiziario si aggrava la posizione dell’ex-primo ministro Sher Bahadur Deuba, il capo dell’esecutivo licenziato dal sovrano il 1° febbraio scorso e rimpiazzato con un governo fedele alla corona; la Commissione reale contro la corruzione (Rccc), un nuovo organismo recentemente creato dal re con ampi poteri inquirenti e giudicanti, ha formalmente incriminato per corruzione Deuba e l’ ex-ministro per i lavori pubblici. Il procuratore della Commissione ha chiesto una sentenza di 10 anni e una multa di oltre 300 milioni di rupie (quasi 5 milioni di euro); l’accusa è di aver preso tangenti per appalti pubblici riguardanti un progetto idrico.

Deuba, che è attualmente agli arresti, si è rifiutato di comparire davanti all’organismo inquirente contestandone la legittimità costituzionale.

[BF] – NEPAL 18/5/2005

 Questa storia è stata letta 1382 volte

La Spoon River dei braccianti

Il libro
La Spoon River dei braccianti

Otto eroi, italiani e no, uomini e donne.
Morti nei campi per disegnare un futuro migliore. Per tutti.
Figure da cui possiamo imparare, non da compatire.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date