Archiviato come: pace

No Muos. Centinaia di persone invadono la base USA

A Niscemi centinaia di manifestanti sono entrati nella base americana che ospiterà le gigantesche parabole del Muos, il sistema di comunicazione satellitare militare della US Navy.È la prima volta che una struttura militare Usa in Italia viene «invasa» da tanti cittadini. Gli attivisti, dopo aver reciso le reti di recinzione, sono entrati in massa fino alle antenne su cui alcuni pacifisti si erano arrampicati il giorno prima

Aggiornamento spirituale per i cappellani militari. A spese dello Stato

I cappellani militari sono stati convocati “per un approfondimento spirituale e culturale a beneficio del servizio assistenza spirituale al personale delle Forze armate”. Le spese, però, sono a carico dello Stato italiano. La pensione completa pari a 75 euro giornaliere, il viaggio di andata e ritorno e l’indennità di missione nazionale. Si superano i 60mila euro. Ma per la “categoria” si spendono ogni anno 17 milioni di euro.

Infographic: US Military Operations in the Philippines from 2001-2011

The US called the Philippines its “second front [in the war on terrorism]” in January 2002 and has dramatically built up a nationwide military presence since then. The US military has made extensive use of the Visiting Forces Agreement (VFA) to station some 600-700 special forces troops in the country and to bring in as much as 7,000 other soldiers at a time on so-called joint exercises, civil-military actions and relief operations.

Dieci anni di attivismo per la pace raccontati da un libro elettronico

Dove sono stati i pacifisti dal 2001 al 2011? Nelle strade di tutto il mondo e nelle lotte per i beni comuni. In prima fila nel movimento contro il neoliberismo. Contro le spese militari e a informare sull`uranio impoverito. Nelle reti di economia solidale e a fianco delle comunità locali contro le “grandi opere”. Un archivio completo, giorno per giorno, che restituisce memoria e dignità a un mondo che per i media non esiste più. Ma che è attivissimo, diffuso e vitale.

Shousha Camp. Profughi nel deserto tunisino

Le immagini e le voci dal campo profughi dimenticato da tutti e finanziato anche dal Governo italiano. Dal maggio 2009 circa 2000 immigrati sono stati intercettati nel Mediterraneo dalle navi italiane e respinti. Per questo l`Italia ha subito una condanna dalla Corte europea. Molti di questi sono finiti a Shousha, un campo profughi nel deserto tunisino.

Banche sempre più armate, governo meno trasparente

Raddoppia il numero di operazioni finanziarie autorizzate dal ministero dell`Economia, aumenta di due volte e mezzo la quantità di denaro `movimentata`, triplicano i `compensi di intermediazione` che gli istituti di credito hanno incassato dalle aziende armiere e tornano saldamente in vetta alla classifica le banche italiane.

Oltre 14 milardi di euro per il caccia F35 (video)

Mentre si ipotizzano tagli alla ricerca per reperire i fondi per la ricostruzione post-terremoto in Abruzzo, il governo decide di stanzare oltre 14 milardi di euro per il caccia F35 Lightning (“fulmine”). I soldi andranno in gran parte alla statunitense Lockheed Martin, storica capofila del complesso militare-industriale ed ai produttori italiani di armi. Ed in Parlamento, nessuna opposizione ai programmi di riarmo e trasferimento di denaro pubblico a soggetti privati

Foreign Minister Wants US Nukes out of Germany

Reacting to Obama`s vision of a nuclear-free world, German Foreign Minister Steinmeier has called for American nuclear weapons to be removed from Germany. His stance is in opposition to Chancellor Merkel, who wants to keep the bombs to secure Germany`s say in NATO.

5,632 letture