Archiviato come: migranti

Monet visto da Bansky

Resilienza e grafo completo. L’immigrazione è una rete peer to peer

Resilienza è un concetto comune a molte discipline. In psicologia è la capacità dell’individuo di affrontare le avversità, uscendone trasformato e rafforzato. I percorsi di vita dei migranti sono spesso monumenti alla resilienza. E la loro capacità di connettere culture somiglia alle reti peer to peer del web. Si può parlare di immigrazione fermandosi all’assistenza e al paternalismo. Oppure provare a ragionare di nuove opportunità. Soprattutto per gli italiani

Il passeggino antagonista

La manifestazione romana del 19 ottobre sarà ricordata per le tensioni di fronte ai ministeri. Nessuno ha notato che il grosso del corteo era composto da famiglie straniere con i passeggini. Non era il solito spezzone dei migranti, ma tantissimi nuovi cittadini che stanno costruendo diritti per tutti con pratiche radicali ed efficaci come le occupazioni

Oltre Lampedusa. Perché l’operaio-migrante dell’Ikea è osceno?

Le politiche dell`Europa Fortezza hanno prodotto negli anni sprechi e lutti. Eppure rimangono immutate. Qual è il motivo? La frontiera chiusa ha un consenso popolare perché rimane diffusa l`idea secondo cui il migrante è un rivale nell`accaparramento delle risorse pubbliche e un concorrente per il lavoro. Valorizzare esperienze come quella dei lavoratori migranti della logistica serve a ribaltare questa idea e superare la contrapposizione

Il passaporto mortuario di Florentina: accoltellata da viva, sequestrata da morta

Ammazzata a coltellate, messa in un sacco nero e gettata nel torrente. La notizia della morte di Florentina è arrivata in Romania via Internet. Il cadavere è rimasto tre mesi «sequestrato» nell`obitorio di Rossano perché mancava il «passaporto mortuario», per la «mafia delle pompe funebri» e per mancanza di soldi. Solo grazie a un canale tv, a una compagnia aerea rumena e alla Caritas il padre è arrivato in Italia: «Porto in valigia un vestito da sposa bianco per la mia bambina».

Invasione, buonismo e ladri di lavoro. Dizionario dei luoghi comuni sull’immigrazione

Dopo gli arrivi dell`estate 2013, il dibattito sull`immigrazione è sempre più arenato su opposti luoghi comuni. Da un lato i buoni sentimenti, dall`altro la “cattiveria” di stampo leghista. «Dobbiamo accoglierli» contro «portateli a casa vostra». Numeri e fatti devono essere la base per comprendere i mutamenti e gestire le opportunità, non i problemi. Prima che sia troppo tardi, perché l`Italia da tempo non è più un paese che attrae

Civil Card, la risposta tecnologica al diritto del sangue

Grazie a una tessera magnetica gli immigrati possono registrare tutti i dati dei loro figli dalla nascita fino ai 18 anni. E con questa `prova` diventa più semplice ottenere un diritto spesso negato dalla burocrazia. Un esperimento partito da un piccolo comune siciliano che si sta allargando anche ad altre regioni italiane. E l’abbinamento tra tecnologia e diritti può essere esteso a tutti i cittadini

1,607 letture