Archiviato come: a3

Fotogrammi di Zenobia

I grandi cantieri. Le deviazioni. Gli scenari che fanno da sfondo alle indagini sulla `ndrangheta e agli incidenti sul lavoro. Il doppio senso di circolazione a carreggiata unica. I lavori infiniti. Ma anche paesaggi mozzafiato a strapiombo sul mare. Un percorso che potrebbe essere bellissimo ma che da anni è un incubo.

Gli incidenti nei cantieri A3 dal 2008 al 2011. La cronologia

Vincenzo Gargiulo è molto fulminato. Angelo Campanelli schiacciato dal rullo compattatore. Rocco Palumbo è caduto da un ponteggio. Salvatore Pagliaro è stato ucciso per soffocamento da una colata di cemento. Morti orrende, episodi sconosciuti. Nessuno ricorda che nei lentissimi cantieri della Salerno – Reggio Calabria si può morire per la fretta. Perché gli edili devono fare gli straordinari per non perdere il lavoro.

Salerno – Reggio Calabria: morire per la fretta nei cantieri lumaca

In questi anni numerosi operai hanno perso la vita nei cantieri A3. Morti spaventose e ferimenti gravi. Incidenti che si sarebbero potuti evitare e che svelano una realtà di sfruttamento. Nei cantieri lumaca (la progettazione dell`A3 parte nel 1990 e i lavori non sono ancora conclusi) gli operai sono costretti ai turni di notte, agli straordinari, sono vittime dei tagli sulla sicurezza. Mentre il “Contraente Generale” non ha nessuna fretta, le piccole ditte lavorano al ribasso.

Infografica. A3, cronologia dell`autostrada infinita

Dalla fine degli anni `60 inizia la storia infinita della Salerno-Reggio Calabria. Una prima costruzione, subito insufficiente. La necessità di realizzare la corsia di emergenza. I lavori tampone negli anni `90. La legge obiettivo del 2002 e l`era del contraente generale. I tanti annunci sul completamento e l`unica certezza: in 10 anni sono stati stanziati 7,5 miliardi di euro.

Autostrada Salerno – Reggio. La Calabria è un`isola

Per i corrieri la Calabria è nella stessa fascia di prezzo di Sicilia e Sardegna. “E’ troppo difficile da raggiungere”. Nonostante i ritardi, lo Stato riconosce alle imprese 300 milioni per costi non previsti. Tra cui quelli dei protocolli antimafia. Ma chi denuncia il pizzo non lavora più nei cantieri.

Salerno-Reggio, arriva pure la maxi-multa

L`autostrada è un cantiere incompiuto. Eppure, per un`annosa lite legale sottovalutata, lo Stato ora dovrà anche pagare 307 milioni al Consorzio Impregilo-Condotte. Nel 2004 si erano aggiudicati il macrolotto tra Gioia Tauro e Sculla. Fra le voci di spesa imprevista anche i protocolli antimafia. La bozza di transazione, in teoria, può ancora essere respinta.

Arlacchi: Calabria modello Afghanistan

La scala è diversa, ma il modello è quello. Iperfatturazione, cantieri eterni o inesistenti, chiusura prorogata all`infinito. Un metodo che coinvolge sistemi criminali e grandi aziende. Paga solo la popolazione. “La politica costante delle grandi imprese del centro-nord è stata quella di mettersi d’accordo con chi comanda sul posto”. “Infiltrazioni?” Un linguaggio giornalistico obsoleto.

Per i corrieri la Calabria è diventata un`isola

Quasi tutti i corrieri – piccoli e grandi – applicano due tariffe. Isole e `continente`. Nella prima fascia è stata inserita la Calabria, perché è difficile raggiungerla. Di conseguenza costa di più spedire e i servizi rapidi non esistono. Un ulteriore danno dei cantieri eterni sull`autostrada. Chi lo pagherà?

3,279 letture