.
Il nuovo eBook
Giro di Sicilia
con nove artisti pazzi

Una sorprendente guida sull'isola outsider
Osservatorio braccianti
Mappa. Migranti e sfruttamento
Basta sfruttamento
Firmate la petizione
Corso online
HTML5
Promo 5 posti a 69 € anziche' 99 €
4 posti rimasti!
Tutto il catalogo a 9 euro
Tutti i nostri libri elettronici
in un solo file zip a prezzo scontato, in formato PDF o ePub
Chi siamo Archivio Autori Campagne Fotostorie Video Infografiche Podcast
Diari Corsi Servizi SED terrelibere.org Catalogo eBook Presentazioni Recensioni Racconti
terrelibere.org > libreria > e-book > Quell’africana che non parla neanche bene l’italiano
   
Puoi pagare con: telefono cellulare, carta di credito/Postepay/Paypal, conto corrente postale, bonifico bancario
Acquista e leggi
in 2 minuti
ePub (€ 3.99)   PDF (€ 3.99)   Mobi (€ 3.99)  
Lo puoi acquistare anche su: Hai iPad? Vai su Apple StoreiBooks Hai Kindle? Vai su AmazonAmazon   Feltrinelli   IBS  

Quell’africana  che non parla neanche bene l’italiano

Pagine: 246
Editore: terrelibere.org
Anno: 2009

E-book

stats 26727 letture

Isbn ISBN: 9788898114047

tag Tag: nigeria

Presentazioni

Quell’africana che non parla neanche bene l’italiano

Un viaggio sorprendente nel pianeta misterioso dei nigeriani in Italia e della prostituzione nera. Un romanzo apparentemente lieve, politicamente scorretto, pulsante. Attraverso Jennifer, sua occasionale concubina, Franco si addentra nel mondo delle prostitute e delle mamàn, nelle regole delle afro-gang, negli strambi predicatori delle Pentecostal Church, nel traffico di droga, nei matrimoni combinati, fino ad organizzare azioni non propriamente legali che, paradossalmente, lo riscatteranno dalla sua grigia vita impiegatizia soffocata dai debiti e dalla frustrazione. Una visuale senza filtri su una realtà viva e palpitante, che tutti gli studi socio-antropologici di settore non potrebbero mai tratteggiare con altrettanta energia

Simpatico, spiritoso e un po` gaglioffo, questo lieve romanzo ci fa entrare nel mondo poco conosciuto dei nigeriani in Italia, e naturalmente della prostituzione nera. Assai poco politicamente corretto e all`insegna di chi lavora è perduto, il protagonista mescola istanze di sinistra, o per meglio dire da centro sociale, con un amorale, per quanto ben indirizzato, spirito da rapinatore: si colpiscono solo banche, sfruttatori o meglio sfruttatrici.

Passiamo con lui dalle strade della provincia piemontese, dove si diletta di rapide fellatio, alla Torino di El Paso e del Gabrio, dal Nigerian Club a un improbabile e pentecostale “Chiesa dei fiumi del potenza`, dalle ben intenzionate e un po` tristi case di accoglienza all`altrettanto ben intenzionata associazione “Parliamone insieme`, votata a salvare le prostitute e i loro clienti.

Sempre con lui ci aggiriamo per campi nomadi, per l`Emilia, per Catania e per la tristemente celebre Domiziana. Ci appare così  di fronte il mondo delle madam e delle loro ragazze, dei bad boys, dei cultist e dei puré boys (i giovani stalloni delle madam), quello dei clienti delle prostitute nere, degli oyibò (i bianchi, in genere maturi, amanti delle nigeriane) e degli spiantati papagiro (che non avendo denaro, pur di star attorno alla prostitute si prestano a far loro mille servizi).

Entriamo in una festa di matrimonio nigeriana, così come assistiamo a una funzione religiosa con tanto di predicatore scatenato. Scopriamo che per un giovane nigeriano non c`è più bella carriera che quella di fare l`assistant pastor e aprirsi una propria chiesa... E mille altre cose, e tra le righe emergono anche storie e condizioni di vita drammatiche. Ma tutto è travolto dalla gioia di vivere.

Non sembra un testo poi così ingenuo, e l`autore, benché abbia scelto un registro fanfarone, conosce bene il mondo che descrive, con i suoi problemi. Senza parere, un piccolo trattato sociologico e antropologico (Comitato di lettura, Premio Calvino)

Indice del volume

Parte prima

1 - Sesso a pagamento di dubbia qualità
2 - L’incidente stradale
3 - La Polizia e i Vigili del Fuoco
4 - La porto a casa
5 - Jennifer Lopez
6 - La pastasciutta con le sardine in scatola e la maionese
7 - Quattro chiacchiere sull’Africa
8 - When I see you I’m happy
9 - A proposito di me
10 - L’incidente sul giornale
11 - Razzo
12 - Gli scontri con Nuova Alternativa
13 - Lunedì al lavoro
14 - A puttane con Razzo
15 - La musica nigeriana
16 - La madre malata e la retta scolastica
17 - I miei debiti
18 - La domenica in Chiesa
19 - Di nuovo in ufficio
20 - Torno da lei
21 - La madam
22 - Di nuovo in ufficio
23 - La festa nigeriana
24 - Johnny
25 - Il biliardo
26 - Serata al Freddy
27 - Il mio capo mi ha rotto il cazzo
28 - Arriva l’erba
29 - Hemp Connection
30 - Davanti al CPT
31 - Di ritorno verso casa
32 - Jennifer torna all’attacco
33 - Evelin
34 - A Castel Volturno passando per Pompei
35 - Quattro tamarri mi menano
36 - Il permesso di soggiorno
37 - A casa dei miei
38 - Parliamone insieme
39 - Un viaggio allucinante

Un viaggio allucinante - tavole di Sergio Ponchione

40 - Contract marriage
41 - Private investigator
42 - La madam va in Nigeria

Parte seconda
43 - Il pignoramento
44 - Con Johnny al club
45 - Un bel cazziatone
46 - Parliamo di business
47 - Padova
48 - E’ ora di agire

49 - Il giustiziere

50 - Business woman
51 - Ristabilire la legalità
52 - In action
53 - L’amico panettiere
54 - I miss you too much
55 - Di nuovo insieme
56 - Confidenze
57 - Colloquio n. 1
58 - Colloquio n. 2
59 - Colloquio n. 3
60 - Qui è come prigione
61 - Colloquio n. 4
62 - La fuga
63 - Al matrimonio nigeriano
64 - I cultisti
65 - Rapimento
66 - Qualcosa si muove
67 - Strategie
68 - Revolver
69 - Riso
70 - Modena
71 - Videochiamami
72 - Potrei anche innamorarmi?
73 - Rabbia e dolore
74 - Santa Sofia
75 - In mutua
76 - Lucky
77 - L’affitto
78 - 220.000 euri
79 - Fumo nero
80 - Cambio di programma
81 - Lo scambio
82 - Si va
83 - Progetti
84 - Take care, Baby
85 - Epilogo
86 - Epilogo bis

Note a margine
Il sistema di sfruttamento delle donne nigeriane a cura di Francesco Carchedi

Recensioni e segnalazioni (10)


Torna su Torna su