Il libro di Stella è un testo importante. Perché ripropone la storia dell’emigrazione italiana senza pregiudizi e con tanti documenti. E dimostra che l’immigrazione che oggi abbiamo sotto gli occhi somiglia tanto alle vicende vissute – nel bene e nel male – dai nostri nonni…

Tutti abbiamo sentito parlare di emigrazione. Abbiamo avuto notizie di nonni e partenze, di Argentina e Stati Uniti, di navi transoceaniche e fortune costruite col lavoro. È difficile invece sentir parlare – ad esempio – di pogrom contro gli italiani; dei numerosi nomignoli razzisti (macaroni è già un termine affettuoso); delle opinioni sugli italiani (ladri, assassini, bugiardi) e sulle italiane (prostitute, senza morale); delle vignette offensive; degli allarmi sulle invasioni dei “topi” italiani.

Il libro ha un taglio schiettamente divulgativo ed un sottotitolo ad effetto (“Quando gli albanesi eravamo noi”); parte da una tesi precostituita: il parallelismo tra i nostri emigrati e quelli odierni, nel bene e nel male.

Ma si appoggia ad una documentazione davvero ampia – non solo ricerche e libri – ma soprattutto giornali d’epoca. Ogni capitolo affronta un argomento specifico: dai linciaggi in Australia, Stati Uniti e Francia agli allarmi contro l’invasione di “assassini dalla pelle oliva”. Dai pregiudizi contro le abitudini e i comportamenti degli emigrati (“defecano in terra”, “sfruttano i bambini”, “sono buoni solo a suonare l’organetto”) fino alla prostituzione e alla criminalità.

E ancora i viaggi della speranza, i tanti italiani morti nei valichi alpini nel tentativo di arrivare in Francia. Oppure gli eccidi dovuti alla rabbia della manodopera locale (“ci rubano il lavoro”). Un capitolo intero è dedicato al terrorismo italiano (qui l’ovvio paragone è col fondamentalismo islamico), la serie di attentati anarchici di matrice italiana che fece montare una campagna poi culminata con l’assassinio di Stato degli innocenti Sacco e Vanzetti.

Banalizzando – ma non troppo – il senso del notevole lavoro di ricerca, sembra che Stella voglia indicare che la storia si sta ripetendo a parti invertite. E che i grugniti dei razzisti della Lega di Bossi somigliano in modo imbarazzante a quello dei razzisti Usa, francesi, australiani, argentini che usavano gli stessi toni e le stesse espressioni contro immigrati veneti, piemontesi, friulani, lombardi. Appena qualche decina di anni fa.

Anteprima

Clicca in basso per leggere una parte del libro


Vuoi approfondire il tema del razzismo?

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore della casa editrice “terrelibere.org”. E’ autore dei libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010) e "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Collabora con MicroMega, Repubblica.it, L'Espresso.

Commenta

Iscriviti alla Newsletter

Vuoi rimanere aggiornato su questo libro e sulle altre pubblicazioni? Iscriviti qui.

Contattaci

Vuoi contattare l'autore, organizzare una presentazione o comunicarci qualcosa? Compila il modulo.