Adesso avete capito che l’Egitto non è un paese sicuro?

  Dopo la tragica morte di Giulio Regeni, l'Italia scopre che l'Egitto è un paese in cui i diritti umani sono violati. Eppure da anni respinge migranti e profughi senza neppure ascoltare la loro storia. Grazie a un accordo sottoscritto col dittatore Mubarak
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Courtney Radsch © Licenza Creative Commons

Nel 2013 terrelibere.org aveva pubblicato il testo dell’accordo segreto tra i governi di Italia ed Egitto. Il documento era firmato da Prodi e Mubarak, il dittatore riconosciuto come un affidabile interlocutore.

In base a quel testo un numero enorme di egiziani è stato rispedito in questi anni nell’inferno di un paese non sicuro.

Oggi, con la morte di Giulio Regeni, abbiamo finalmente scoperto quello che succede in Egitto.

Leggi l’accordo col dittatore per respingere i migranti egiziani

 Questa storia è stata letta 2705 volte

Il libro
Lo sfruttamento nel piatto
La filiera agricola e le vite di chi ci lavora
Leggi »
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Laterza editore

Lo sfruttamento nel piatto

Le filiere agricole, lo sfruttamento schiavile e le vite di chi ci lavora


Nuova edizione economica a 11 €

Lo sfruttamento nel piatto

Ricominciano le presentazioni del libro! Resta aggiornato per conoscere le prossime date