Rosarno. Appello all`umanità scritto da un giovane lavoratore africano

SOS. La Calabria muore insieme ai suoi lavoratori stagionali

I nostri familiari hanno occhi e orecchi rivolti verso di noi. Arriviamo in Italia su una barca di fortuna e arriva la parte più difficile: vivere. Per lavorare andiamo a Rosarno. Il ghetto è qualcosa che non avremmo mai immaginato. Inaccettabile per qualunque cittadino europeo. E dunque per qualunque essere umano. Seguite la storia di un giovane africano. L`ha scritta Ibrahim Diabate, un giovane africano che lavora a Rosarno.

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore della casa editrice “terrelibere.org”. E’ autore dei libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010) e "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Collabora con MicroMega, Repubblica.it, L'Espresso.

Ti potrebbe interessare anche: