Notizie

Rosarno – La cronologia

Rosarno è uno dei tanti paesi agricoli del Meridione dove gli immigrati sono sfruttati. Ma è anche l’unico dove, fin dal 1992, sono vittime di sconcertanti episodi di violenza gratuita, fino al ferimento del 12 dicembre 2008 ed alla successiva ribellione. Vivono alla Cartiera, una fabbrica abbandonata, in condizioni disumane. I politici hanno promesso di fare qualcosa, ed hanno presentato numerosi progetto. In tanti anni, nulla è cambiato mai. Una cronologia aggiornata in tempo reale


Scritto da Antonello Mangano

2009
  • 19 gennaio – Tutti gli immigrati della Cartiera confermano che quest`anno il lavoro è poco. Probabilmente la raccolta finirà prima, forse addirittura a febbraio. Qualcuno inizia già a partire. Qualunque intervento di emergenza, se non fatto subito, sarà perfettamente inutile.
  • 18 gennaio – A dieci giorni dalla conferenza stampa che annunciava un intervento umanitario nulla è cambiato. Anzi, la situazione peggiora. Secondo le testimonianze raccolte, nessuno svuota i bagni chimici, ormai inutilizzabili, e la spazzatura è raccolta raramente
  • 13 gennaio – Nubifragio in Calabria, la protezione civile parla di un uragano. La situazione alla Cartiera (tetti rotti, `case` di cartone`) è sempre piu` drammatica
  • 8 gennaio – La protezione civile della Regione Calabria si impegna ad un rapido intervento umanitario di emergenza.
  • 3 gennaio – Secondo quanto riferito dalla stampa locale, il Rotary Club ed alcune associazioni di volontariato hanno presentato al Comune di Rosarno un progetto che prevede la ristrutturazione di un capannone da destinare alle “fasce deboli”, con particolare riferimento agli immigrati. Sono previste attività teatrali e sportive, laboratori didattici ed ambulatori. Tra le proposte anche un “museo dell`agricoltura”, con vendita di prodotti tipici.
  • 3 gennaio – Surreale cronaca calabrese dei primi giorni dell`anno, tra “Il Padrino” e “Gomorra”. Un giovane di Filadelfia picchiato e bruciato vivo all`interno della sua automobile (al momento è in coma, nei giorni precedenti avrebbe danneggiato l`autovettura dei suoi aguzzini). Proiettili contro l`automobile di una giovane cronista di Cinquefrondi. Ucciso il cavallo preferito del sindaco di Taurianova.  A Rosarno, invece, non si segnalano atti di violenza contro la comunità africana protagonista della rivolta antimafia del 12 dicembre
2008
  • 30 dicembre – Gli africani della Cartiera manifestano alcune semplici richieste: riparare il tetto da cui entra pioggia e freddo, attrezzare una cucina, rendere dignitosi i servizi igienici.
  • 30 dicembre – Una delegazione della Provincia di Reggio Calabria visita la Cartiera. Nelle stesse ore è presentato il progetto ASSI, finanziato per diverse centinaia di migliaia di euro, che prevede diversi interventi a favore degli immigrati della zona.
  • 14 dicembre – Caso unico nella storia del paese, il colpevole di un atto delittuoso è arrestato nel giro di poche ore. Emerge l`incredibile movente estorsivo ai danni degli africani.
  • 12 dicembre – Il ferimento di due ivoriani provoca una notte di rivolta dell`intera comunità africana
  • Dicembre – Nei primi giorni del mese un immigrato – in regola con i documenti, il contratto di lavoro ed il permesso di soggiorno – viene rapinato di tutti i suoi risparmi e minacciato con un`accetta
  • Dicembre – Da aprile a dicembre vengono sciolti i consigli comunali di Gioia Tauro, Rosarno e San Ferdinando. I primi due per condizionamenti da parte della criminalità organizzata, l`ultimo per dimissioni dei consiglieri. I comuni di Rosarno e San Ferdinando avevano avviato dei piccoli interventi di emergenza nella Cartiera, insufficienti dopo poco tempo.
  • 14 novembre – Misterioso suicidio alla Cartiera. Un ghanese di 28 anni viene trovato impiccato
Anni precedenti
  • 2007 – 31 dicembre. Cornelia Dona, 17 anni, rumena, è uccisa a colpi di arma da fuoco per aver osato lasciare il convivente rosarnese.
  • 2007 – Violenta aggressione nei confronti di un immigrato dopo la festa di fine Ramandan
  • 2007 – Novembre. Tre africani sono gambizzati a Rizziconi, in un casolare abbandonato
  • 2007 – Giugno. Scoperta la mega-truffa alla CEE nota come “arance di carta”
  • 2007 – Gennaio. Protocollo di intesa alla Prefettura di Reggio Calabria tra l`allora sindaco di Rosarno Martelli, l`ASL e diverse associazioni. In base all`accordo siglato la Cartiera diventerà un Centro di Aggregazione Sociale. Essendo in stato di custodia giudiziaria, era stato concesso agli enti nella forma della locazione provvisoria. L`obiettivo – dice il sindaco alla stampa – è di dare assistenza ai 5000 immigrati che arrivano a Rosarno
  • 2006 – L`inviata del Guardian di Londra raccoglie diverse testimonianze sulle violenze subite dagli immigrati. Un cittadino marocchino dichiara: “C’è gente che ti punta la pistola e ti rapina tutto… […] Vanno in gruppo sugli scooter e ti colpiscono con i bastoni quando passi”
  • 2006 – Grave violenza nei confronti di un immigrato africano, prima investito con un`automobile e poi aggredito
  • 1999 – In una drammatica lettera al sindaco Lavorato, un gruppo di lavoratori africani denuncia “aggressioni inimmaginabili di ogni tipo” e lancia un`appello allo Stato italiano “a prendere tutte le misure necessarie per fermare questo stato di violenza gratuita”
  • 1992 – Viene finanziata con fondi statali la costruzione della fabbrica “Modul System”, che avrebbe dovuto produrre moduli per telescriventi. Negli anni successivi rimarrà solo un capannone abbandonato, conosciuto come la famigerata “Cartiera” occupata d`inverno dai lavoratori africani impegnati nella raccolta delle arance
  • 1990 – Primi arrivi. La comunità più numerosa è quella polacca

Sull'autore

Antonello Mangano

È autore di ricerche, inchieste e saggi sui temi delle migrazioni e della lotta alla mafia. Fondatore della casa editrice “terrelibere.org”. E’ autore dei libri "Gli africani salveranno Rosarno" (terrelibere.org 2009), “Gli africani salveranno l’Italia” (Rizzoli 2010) e "Voi li chiamate clandestini" (manifestolibri 2010), "Zenobia" (Castelvecchi 2013). Collabora con MicroMega, Repubblica.it, L'Espresso.